Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

4 maggio 2017

Io scelgo la sicurezza – Anno 14 – n. 1- marzo 2017

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Le indicazioni operative per la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Io scelgo la sicurezza - Anno 14 - n. 1- marzo 2017 Regione Piemonte

sicurezza_lavoroIN QUESTO NUMERO FOCUS Le Indicazioni operative per la formazione in  materia di salute e sicurezza del lavoro NEWS Le fibre artificiali vetrose L’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da campi elettromagnetici

La normativa in materia di salute e sicurezza del lavoro si pone l'obiettivo di eliminare o ridurre al minimo i rischi legati alle attività lavorative tramite l'individuazione di specifiche misure di prevenzione e protezione, che devono essere attuate da tutti i soggetti coinvolti nella gestione della sicurezza nel luogo di lavoro. Tra le diverse misure da adottare ai fini della sicurezza, assume una particolare rilevanza la formazione obbligatoria dei lavoratori e di tutte le diverse figure preposte alla gestione della sicurezza.

Il D.lgs. 81/08 raccoglie la disciplina generale del sistema di tutela sia per quanto concerne l'assetto istituzionale sia per quanto attiene alla gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro, compresi gli obblighi relativi alla formazione. Fermo restando il quadro generale dettato dal D.lgs. 81/08, la disciplina della salute e della sicurezza dei lavoratori si articola e si intreccia in una serie di funzioni normative ripartite tra lo stato e le regioni. Dalla riforma del 2001 del Titolo V della Costituzione, i due soggetti istituzionali operano in un quadro legislativo molto complesso e articolato, che affianca alle competenze legislative esclusive dello Stato (art. 117, comma 2, Cost.) le competenze concorrenti delle Regioni (art. 117, comma 3, Cost.); tale assetto, lo si ricorda per inciso, è stato confermato dall'esito del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.

Per quanto riguarda gli obblighi relativi alla formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro, il decreto 81/ 08 demanda la definizione dei contenuti dei percorsi formativi alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, che costituisce la "sede privilegiata" della negoziazione politica tra l'amministrazione centrale dello stato e il sistema delle autonomie regionali. Gli atti regionali in tema di formazione in materia di salute e sicurezza sono da intendersi come atti di attuazione delle norme nazionali nelle quali trovano il loro fondamento.

Il focus di approfondimento del presente numero della newsletter è dedicato alla presentazione delle nuove Indicazioni operative per la formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro, pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 50 del 15 dicembre 2016, e dei profili formativi dei corsi degli operatori che effettuano attività di bonifica, smaltimento dell'amianto, controllo e manutenzione approvati, in attuazione del Piano Regionale Amianto, con Deliberazione della Giunta Regionale 4341 del 12 dicembre 2016 e pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 3 del 19 gennaio 2017. E-learningIo scelgo la sicurezza - Anno 14 - n. 1- marzo 2017

 
Leggi altri articoli della categoria sicurezza
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,