Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

7 maggio 2015

Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane

07/05/2015 - Quasi il 20% della fascia costiera italiana, pari a oltre 500 Kmq, l’equivalente dell’intera costa sarda, è perso ormai irrimediabilmente. È stato impermeabilizzato il 19,4% di suolo compreso tra 0-300 metri di distanza dalla costa e quasi e il 16% compreso tra i 300-1000 metri. Sono stati spazzati via anche 34.000 ettari all’interno di aree protette, il 9% delle zone a pericolosità idraulica e il 5% delle rive di fiumi e laghi. Il cemento è davvero andato oltre invadendo persino il 2% delle zone considerate non consumabili (montagne, aree a pendenza elevata, zone umide). A mappare lo stivale della ‘copertura artificiale’ è stato l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) che, grazie alla cartografia ad altissima risoluzione, nel suo Rapporto sul Consumo di Suolo 2015 - presentato ieri a Milano, nel corso del Convegno “Recuperiamo Terreno” collaterale.. Continua a leggere su Edilportale.com Corsi Online Italia