Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

24 ottobre 2014

Iva al 4% sui lavori di ristrutturazione: Unicmi rilancia l’idea

24/10/2014 - La proposta di ridurre dal 10 al 4% l’Iva sui lavori di ristrutturazione e di riqualificazione energetica agevolati con le detrazioni fiscali è stata definitivamente bocciata dalla Camera.   Era contenuta in un emendamento al ddl di conversione del DL Sblocca Italia approvato dalla Commissione Ambiente e prevedeva di compensare la riduzione con l’aumento dal 4 al 10% dell’Iva per le nuove costruzioni vendute dalle imprese.   Non ha passato l’esame della Ragioneria dello Stato perché avrebbe causato “il deferimento dell’Italia alla Corte di Giustizia europea per la violazione delle direttive in materia fiscale” e perché non aveva adeguate coperture finanziarie.   La proposta ha fatto infuriare le imprese edili, prime vittime dell’aumento dell’Iva sulle nuove costruzioni. Il presidente dell’Ance Paolo Buzzetti aveva definito la proposta “una stortura finanziariamente..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria RISPARMIO ENERGETICO