Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

8 Aprile 2019

La prevenzione degli incidenti domestici in età infantile

 

linea guida PReVenZiOne Ministero della salute

La prevenzione degli incidenti domestici in età infantile

incidenti domesticiLa consapevolezza della necessità di basare le scelte della medicina su prove scientifiche ha avuto una forte accelerazione con la nascita delle Cochrane Collaboration nel 1992.
Se inizialmente l’attenzione era tutta focalizzata sui trattamenti medici, solo successivamente la Evidence-based Medicine (EBM) ha cominciato a accorgersi che anche gli interventi di prevenzione avrebbero dovuto avere gli stessi requisiti scientifici. In Italia, fu nel settembre del 1999 che per la prima volta un gruppo di operatori si incontrò a Bologna per ragionare sugli sviluppi di una tale prospettiva. Il modello di riferimento non poteva che essere quello della EBM, e l’acronimo EBP, per Evidence-based Prevention, veniva scelto per marcare una sorta di filiazione ideale.
Di lì a poco fu però chiaro che le cose erano più complicate rispetto a quanto immaginato nell’entusiasmo iniziale. Nel mondo della valutazione degli interventi di prevenzione, infatti, si contrapponevano due tesi: quella della “prova scientifica”, rivendicata come compito essenziale dalla Cochrane Collaboration nella costruzione delle sue revisioni sistematiche, e quella della “migliore evidenza scientifica” (best available evidence), tipica del pragmatismo della Sanità pubblica nord-americana, che accettava l’uso della migliore prova disponibile per prendere decisioni. 
Nel corso degli anni sono stati fatti molti passi avanti verso una sintesi di queste due non inconciliabili posizioni, nella consapevolezza che, in conclusione, esiste un interesse comune, quello della salute della popolazione umana.
A determinare gli incidenti domestici contribuiscono molteplici cause di natura individuale e ambientale. 
Queste possono agire prima della manifestazione dell’evento potenzialmente rischioso o successivamente, aggravandone le conseguenze. 
Come sarà chiarito, sono numerose le azioni che possono contribuire a prevenire tali eventi – dagli interventi educativi, alle campagne di comunicazione, fino agli interventi normativi. I programmi educativi e le campagne di comunicazione possono agire sulla capacità degli individui di individuare i fattori potenzialmente rischiosi al fine di evitarli, o di gestirli nel modo più appropriato. 
Gli interventi normativi sono indirizzati a elevare gli standard di sicurezza, aumentare l’accessibilità economica e la disponibilità di dispositivi di protezione. L’elaborazione da parte di un panel di esperti, appositamente costituito per questa Linea guida (LG), di un framework logico che tenta di sintetizzare l’interazione dei fattori che influenzano l’accadimento degli incidenti domestici, è stato utilizzato come schema per guidare la ricerca delle prove di efficacia degli interventi di prevenzione che saranno presentati nel capitolo Interventi.
La prevenzione degli incidenti domestici in età infantile linea guida PReVenZiOne Redazione Giulia Candiani, Patrizia Salvaterra, Zadig, Milano Impaginazione Luisa GoglioScarica documento MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
 
Leggi altri articoli della categoria Generale
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,