Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

16 gennaio 2015

Lavoro in sicurezza


Lavoro in sicurezza

Periodico multimediale a cura dell’Ufficio Stampa Inail – Numero 253 – 16 gennaio 2015

L'impegno di Giorgio Napolitano per la difesa della salute e della sicurezza dei lavoratori
Il Capo dello Stato ha contraddistinto il proprio mandato per uno sforzo rigoroso di sensibilizzazione sul fenomeno degli infortuni, "un dramma di fronte al quale non si deve mai abbassare la guardia". Una sensibilità tradotta in attenzione e sollecitazioni costanti a istituzioni e società civile a fare sempre di più

ROMA – Un contrasto fermo e rigoroso al fenomeno degli infortuni sul lavoro, ritenuto una "piaga sociale" di fronte alla quale "non si deve mai abbassare la guardia". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano – che mercoledì ha rassegnato le proprie dimissioni – ha fatto della difesa della salute e della sicurezza dei lavoratori un tratto distintivo del proprio mandato. Una sensibilità fortissima, quella del Capo dello Stato, tradotta in un'attenzione costante, in moniti puntuali, in una vicinanza autentica ai familiari delle vittime e in sollecitazioni continue – in primis alle istituzioni – a fare sempre di più.

Particolarmente intenso il suo "legame" con l'Inail. Fu proprio Napolitano nel 2007 – a pochi mesi dopo il suo insediamento – a volere la realizzazione, a Roma, di un monumento che ricordasse le vittime degli infortuni sul lavoro da porre all'entrata della direzione generale dell'Istituto. La richiesta di un simbolo così fortemente evocativo diede il segnale immediato di quanto il tema delle vittime delle lavoro gli fosse caro.

Tessile e abbigliamento, nel quinquennio 2009-2013 incidenti in calo di oltre un terzo
L'andamento infortunistico di questo settore, che in Italia dà lavoro a circa 272mila addetti (più del 60% donne), al centro dell'ultimo numero del periodico statistico Dati Inail, che ha dedicato un approfondimento anche ai rischi tipici delle lavanderie industriali, tra cui spiccano i disturbi muscoloscheletrici

Per i sette morti del rogo nella ditta cinese di Prato condanne fino a otto anni e otto mesi
La proprietaria e i due gestori dell'azienda erano accusati a vario titolo di omicidio colposo plurimo aggravato, omissione dolosa di cautele antinfortunistiche, favoreggiamento della permanenza a fine di profitto di stranieri e incendio colposo aggravato. Il capannone era adibito anche a dormitorio abusivo per gli operai

Conclusa la mappatura in Piemonte. I siti da bonificare sono 13mila

Processo Pirelli: il pm di Milano chiede  la condanna di otto ex dirigenti

Newsletter 253

Salute e sicurezza dei lavoratori: l'impegno di Napolitano
Tessile: nel 2009-2013 incidenti in calo di oltre un terzo
Amianto: importate dall'India 1.040 tonnellate di fibra killer
Rogo di Prato: condanne fino a 8 anni e 8 mesi
Data: 16/01/2015
Vai alla Newsletter >>>

PUBBLICITA'
Piattaforma e-learning per l’erogazione della formazione a distanza

Leggi altri articoli della categoria sicurezza