Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

4 giugno 2015

Le variazioni non possono cambiare l’esito della gara

04/06/2015 – Gli elementi sopravvenuti dopo l’aggiudicazione di una gara non possono cambiarne l’esito. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 2609/2015. Il CdS ha spiegato che, in base al Decreto Semplificazioni (DL 90/2014), le variazioni successive alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte non influiscono sulla graduatoria e sul calcolo della soglia di anomalia delle offerte. La norma, hanno spiegato i giudici, è operativa per i bandi pubblicati dopo il 25 giugno 2014, data di entrata in vigore del DL Semplificazioni, e mira a rendere più stabili gli esiti delle gare e ad evitare che si possano far valere alcune cause sopravvenute per essere riammessi alle procedure di selezione. Nel caso preso in esame dal CdS, una ditta aveva partecipato alla gara per la ristrutturazione di un edificio. Dopo essere stata esclusa aveva impugnato l’aggiudicazione affermando che l’impresa.. Continua a leggere su Edilportale.com       MOG231 Modello Organizzazione e Gestione 231