Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

12 aprile 2015

Linee d’Indirizzo per la gestione della sicurezza nelle imprese chimiche


Linee d’Indirizzo per la gestione della sicurezza nelle imprese chimiche

Inail e Federchimica proseguono nella collaborazione iniziata con l’accordo quadro dell’aprile 2013

Linee d’Indirizzo per la gestione della sicurezza nelle imprese chimicheCon Determinazione del Presidente dell’Inail n. 84 del 24 marzo scorso, sono state approvate le Linee d’Indirizzo per l’applicazione di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro per l’industria chimica, alla cui realizzazione ha lavorato un apposito gruppo di lavoro formato da professionisti dell’Istituto e da rappresentanti di Federchimica e delle organizzazioni sindacali dei lavoratori del settore Filctem/Cgil, Femca/Cisl e Uiltec/Uil. Si tratta di una tappa importante nel percorso di collaborazione avviato tra i due enti con l’Accordo Quadro siglato il 24 aprile 2013 allo scopo di consolidare il cammino di fattiva cooperazione consolidatosi negli anni.

Il risultato raggiunto esprime peraltro l’impegno di Federchimica a fornire un ulteriore sostegno alle imprese chimiche associate, già fortemente coinvolte per migliorare le prestazioni ambientali e di salute e sicurezza dei lavoratori lungo la filiera chimica attraverso il programma mondiale volontario del settore per lo sviluppo sostenibile: Responsible Care.

In appendice al documento è stato inserito inoltre un addendum per guidare le imprese nella adozione di un modello organizzativo e gestionale ai sensi del D.lgs 231/01, in relazione a quanto previsto dall’art. 30 del D.lgs 81/2008 e s.m.i.

In virtù delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti ed ai sensi delle modalità di applicazione della tariffa dei premi INAIL, l’adozione delle presenti Linee di indirizzo è da considerarsi un intervento di prevenzione nel campo della salute e sicurezza, utile per le aziende in sede di richiesta della riduzione del premio assicurativo all’INAIL nei modi e nella misure previste dall’art. 24 D.M. 12 dicembre 2000 e s.m.i.

Le Linee di indirizzo utilizzano il linguaggio proprio degli standard internazionali volontari e sono state redatte ispirandosi al nuovo schema di riferimento comune a tutti i sistemi di gestione pubblicati in seno all’ISO, al fine di valorizzare le metodologie operative, i processi logici e gestionali noti, laddove applicati, e di facilitarne l’adozione, laddove ancora non in uso.

Qualora ne condividano le finalità, le imprese avranno inoltre la possibilità di sviluppare un approccio compatibile con il percorso necessario per conseguire la certificazione secondo lo schema previsto dallo standard OHSAS 18001 e, grazie al contributo presente nell’appendice A, di adottare un modello organizzativo e gestionale relativo alla responsabilità amministrativa degli Enti, di cui al Decreto legislativo n. 231/2001 s.m.i., che rispetti i requisiti previsti all’art. 30 del D.lgs. 81/2008 e s.m.i..

Documenti di riferimento

normativa applicabile in materia di salute e sicurezza sul lavoro
norme tecniche di riferimento:
“Linee guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) UNI –INAIL Ed. 2001”
“Norma BS OHSAS 18001:2007”
“Linee guida OHSAS 18002:2008”
“Norma UNI EN ISO 19011:2012” “ISO IEC Directive part 1, part 2; 2013”
“ISO/DIS 45001 (first draft international standars)”
“Guida alla gestione del Programma Responsible Care”
“Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per gli addetti all’Industria chimica, chimico – farmaceutica, delle fibre chimiche e dei settori abrasivi, lubrificanti e GPL”
Accordi sindacali nazionali e aziendali.

Linee d’Indirizzo per la gestione della sicurezza nelle imprese chimicheLinee d’Indirizzo per la gestione della sicurezza nelle imprese chimiche

Pubblicità
corsi per aziende consulenti centri di formazione

Leggi altri articoli della categoria sicurezza