Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

21 luglio 2016

MODALITÀ D’IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE

DSAEMODALITÀ D’IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE Documento Centrale Operativa 118 Como Cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del’attività elettrica del cuore ed erogare un scarica elettrica quando necessario. È composto da un corpo centrale, il cervello dell’apparato, in grado di analizzare i dati trasmessi grazie alle piastre e fornire indicazioni vocali all’utente che lo sta utilizzando in  merito alle procedure da  mettere in atto.
È necessario un corso per utilizzare il DAE? Sì. Per l’utilizzo è previsto un breve corso al termine del quale, superata una prova, viene rilasciato un certificato. Per utilizzare correttamente il DAE occorre essere guidati da parte degli operatori del 118? In qualsiasi caso, è necessario, prima di tutto, effettuare la chiamata di emergenza al numero 118 per l’attivazione immediata dei soccorsi. Nel caso una persona non abbia sostenuto il corso, saranno gli operatori della centrale a guidarla nell’effettuazione del massaggio cardiaco in attesa dell’arrivo dei soccorsi. Al contrario, se una persona ha effettuato e superato il corso di rianimazione cardiopolmonare di base con  l’uso di un DAE, potrebbe riuscire autonomamente a gestire il primo soccorso. È fondamentale però che vi sia il costante collegamento con l’operatore del 118. L’impiego del defibrillatore semiautomatico esterno è riservato ai pazienti in arresto cardiocircolatorio. Il soccorritore che utilizza l’apparecchiatura deve essere in grado di applicare la sequenza prevista dal protocollo di BLS ed abilitato all’impiego dello strumento mediante specifici corsi di formazione. -ALGORITMO DECISIONALE ED OPERATIVO RELATIVO ALL’IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE SEMIAUTOMATICO ESTERNO. L'algoritmo decisionale relativo all'utilizzo del defibrillatore semiautomatico prevede che il soccorritore valuti in successione: • stato di coscienza; • attività respiratoria; • attività cardiocircolatoria (segni di circolo). In assenza dei parametri sopra elencati il soccorritore deve attivare il protocollo d'impiego del DSAE Dopo aver individuato l’indicazione all’impiego del defibrillatore, il soccorritore deve assicurasi che non esistano pericoli e controindicazioni al suo utilizzo e deve provvedere all’accensione dello strumento già posizionato di lato al paziente. Solo in tal caso si può dare avvio alla sequenza che inizia con la fase di analisi del ritmo cardiaco secondo un processo gestito automaticamente dallo strumento. Sarà quindi l’apparecchio medesimo a guidare l’operatore nelle fasi successive del soccorso. Si distinguono 4 fasi corrispondenti ai principali momenti della sequenza di utilizzo del defibrillatore semiautomatico: 1. PRIMA FASE: preparazione dello strumento e collegamento dello stesso al paziente; 2. SECONDA FASE: analisi del ritmo; 3. TERZA FASE: erogazione della scarica elettrica; 4. QUARTA FASE: pausa per le manovre di verifica delle funzioni vitali ed eventuale manovra di RCP La PREPARAZIONE • premere l'interruttore ON/OFF per accendere il monitor; • seguire le istruzioni fornite dai messaggi vocali e su schermo, nella sequenza indicata; • rimuovere gli indumenti dal torace del paziente; • accertarsi che il torace del paziente sia pulito e asciutto (tergere il sudore e radere i peli in eccesso); • aprire la confezione ed estrarre le piastre; • controllare che le piastre, il cavo e il connettore a loro collegato, non siano danneggiati • rimuovere la pellicola protettiva dal retro delle piastre; • controllare che il gel non sia secco; • applicare fermamente le piastre sul torace del paziente seguendo lo schema stampato sul retro delle stesse; DSAEMODALITÀ D’IMPIEGO DEL DEFIBRILLATORE   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231