Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

15 novembre 2014

Modello organizzativo ex d.lgs. 231/2001: chi lo deve avere


Modello organizzativo ex d.lgs. 231/2001: chi lo deve avere?

Modello organizzativo ex d.lgs. 231/2001: chi lo deve avere?Il d. lgs. 231/2001, come noto, introduce la responsabilità amministrativa degli enti. Ma chi sono gli enti che possono incorrere nell’ambito applicativo della norma? Chi può opportunamente ritenere di dotarsi del Modello organizzativo quale  strumento di tutela?

Una premessa è opportuna: non esiste alcun tipo di obbligo normativo di adozione del Modello di gestione, organizzazione e controllo. Il Modello è uno strumento che il legislatore ha fornito in via facoltativa agli enti per poter evitare l’eventuale responsabilità amministrativa.Tuttavia non si può non ricordare che tale documento, qualora efficacemente adottato e attuato, rappresenti l’unica possibile tutela.

Ma chi sono gli enti?

La scelta terminologica da parte del legislatore non è per nulla casuale e rende chiare quelle che furono, sin dalla legge delega 300/2000, le finalità normative. Tale dicitura, infatti, è connotata di un carattere generale e gode della capacità di includere una vastissima pluralità di soggetti.

La norma, senza dare una definizione delimitativa, chiarisce che le disposizioni del decreto si applicano agli enti che siano forniti di personalità giuridica e alle società e associazioni anche prive di personalità giuridica. L’ampio respiro fornito dalla norma fa sì che rientrino nel novero dei destinatari le associazioni, le fondazioni, altre istituzioni di carattere privato che non abbiano come scopo lo svolgimento di attività economica, le società, siano esse di capitali o di persone, le cooperative, i consorzi e ogni soggetto collettivo privato.
Ne sono esclusi, invece, per esplicito dettato normativo, lo Stato, gli enti pubblici territoriali, gli altri enti pubblici non economici nonché gli enti che svolgono attività di rilievo costituzionale.

Le imprese individuali

La norma, come si è visto, chiarisce in maniera puntuale i soggetti esclusi e inclusi, lasciando tuttavia un’incertezza molto rilevante: il ruolo delle imprese individuali. Dibattuto, a livello giurisprudenziale e dottrinale, è il richiamo ex d.lgs. 231/2001 alle realtà imprenditoriali unipersonali.

La normativa, secondo la giurisprudenza prevalente, con il termine enti, non parrebbe comprendere realtà economiche individuali. Il termine evocherebbe realtà pluripersonali, così come l’intento del legislatore, volto a colpire soggetti a struttura organizzata e complessa per ragioni di politica criminale (si veda, tra tutte, Cass., sez. VI, 22 aprile 2012 n.18941). Sarebbero, pertanto, da ritenersi escluse tutte quelle realtà unipersonali, che non risponderebbe correttamente alle finalità della norma e alla definizione stessa di enti.

Tuttavia, la Cassazione, in altra pronuncia, aveva dimostrato apertura all’inclusione delle imprese individuali dal momento che (Cass., sez. III, 20 aprile 2011 n. 15657)”l'impresa individuale ben può assimilarsi ad una persona giuridica nella quale viene a confondersi la persona dell'imprenditore quale soggetto fisico che esercita una determinata attività”. La non menzione, a livello normativo, delle imprese individuali, del resto, suffragherebbe l’inclusione anche di tali realtà, non certo la loro esclusione dall’ambito applicativo della norma. Tanto più che sovente, le imprese individuali risultano organizzazioni a struttura complessa che prescindono dal sistematico intervento decisionale del titolare.


Modello 231 e PMIScarica documento Modello 231/2001, chi lo deve avere
Si consiglia: il giorno 28/11/2014 si terrà a Milano il Convegno “ Compliance aziendale – il dettato normativo e la responsabilità dei soggetti apicali”.

La partecipazione all’incontro può essere un valido strumento sia per gli operatori di tali materie, sia per coloro che si avvicinano al mondo della Compliance per la prima volta, nell’ottica di fornire strumenti pratici per la corretta applicazione delle norme di riferimento.

Per informazioni e prenotazioni
Gruppo PLS srl
- sito internet: http://www.gruppopls.com/it/convention.html
- email: convegni@gruppopls.com
- Customer Service telefonico: +39.02.39443190

Orari e Luoghi
Milano, 28 novembre 2014 - ore 09:00 - 18:00
Palazzo Bovara - Corso Venezia, 51 (MM. Palestro)

Matteo Alessandro Pagani
@GruppoPLS


Leggi altri articoli della categoria Generale