Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

3 novembre 2011

Non costituisce disturbo alla persona lo spamming realizzato attraverso computer

Lo spamming realizzato con il mezzo della posta elettronica non costituisce reato. Questo è l’orientamento della Cassazione Penale, Sez I, la quale ha specificato, nella sentenza del 12 ottobre n. 36779/11, che non può essere sussunto nella fattispecie di molestie alla persona di cui all’art. 660 c.p. l’invio di comunicazioni petulanti per mezzo di posta elettronica in virtù del fatto che non sussiste una “forzata intrusione nella libertà di comunicazione” del destinatario. Corsi Online Italia