Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

28 gennaio 2015

Nuovi minimi, i commercialisti chiedono regole fiscali più eque

28/01/2015 - “Il nuovo regime dei minimi sia più equo e meno discriminatorio”. Lo chiede l’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili (Ungdcec) preoccupata per gli effetti del nuovo sistema di tassazione forfetario per le Partite Iva.   L’Ungdcec sollecita un intervento correttivo alla Legge di Stabilità 2015 che - ricordiamo - prevede dal 1° gennaio 2015 un’imposta sostitutiva al 15% per chi consegue ricavi fino a 15 mila euro. Leggi i dettagli   I giovani commercialisti chiedono al presidente del Consiglio Matteo Renzi di: - ripristinare immediatamente l’imposta sostitutiva al 5%; - uniformare, per ogni settore di attività contraddistinto in base ai codici Ateco, il limite di ricavi o compensi percepibili ai fini dell’accesso e della permanenza nel regime (portandolo comunque ad un valore non inferiore a 30mila euro); - ridurre le percentuali di redditività, rendendole..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria PROFESSIONE