Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

5 aprile 2016

Nuovo Codice Appalti, anche il Consiglio di Stato chiede limiti al subappalto

05/04/2016 – In circostanze eccezionali, come il subappalto, si può derogare al divieto di gold plating, cioè si possono introdurre regole più severe di quelle comunitarie. Lo ha affermato Consiglio di Stato nel parere espresso sul nuovo Codice Appalti. In altri casi, come le regole negli appalti sotto soglia, la semplificazione delle procedure di gara connesse ad esigenze di Protezione Civile e il débat public, il Consiglio di Stato ha invece bacchettato la scelta di non rispettare i principi contenuti nella legge delega (Legge 11/2016), ispirata alle norme comunitarie. Subappalto, gold plating e princìpi della delega La bozza del nuovo Codice Appalti non prevede un tetto alla quota di lavori che sarà possibile subappaltare. L’unico vincolo esiste solo per le categorie superspecialistiche. In questo ambito si può subappaltare al massimo il 30% dei lavori. Questa impostazione è stata criticata.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231