Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

3 ottobre 2014

Poletti, riformare la formazione è necessario


Poletti - riformare la formazione con competenze nazionale



formazioneBisogna riformare il sistema degli ammortizzatori sociali e quello della formazione. Lo ha sostenuto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

Per quanto riguarda "i mestieri per lungo tempo in Italia sono stati ampliamente sottovalutati - ha spiegato Poletti - come qualcosa di datato e destinato a morire, senza renderci conto dell'importanza della capacità del fare. Essere buoni artigiani, artisti, significa avere una gran testa e una grande passione".

Quindi Poletti lancia la proposta di un "disegno condiviso a livello nazionale" in grado di favorire politiche attive in materia di formazione.

"Una formazione gestita esclusivamente nella dimensione regionale - ha detto Poletti - non funziona e non ci aiuta neppure nell'usare al meglio le risorse".

L’altra riforma sarà rivolta a cambiare l’attuale sistema degli ammortizzatori sociali, "delle tutele, delle politiche sociali, avendo sempre l'idea che la comunità deve occuparsi dei propri cittadini, mentre la mano pubblica deve aiutare e favorire i cittadini a costruire le condizioni di base ed eventualmente gestire i livelli minimi a cui è necessario dare risposta".

Secondo il ministro Poletti "nessun italiano deve stare a casa ad aspettare.

Tutti devono avere tutte le mattine – sottolinea Poletti - una ragione per uscire di casa e fare qualcosa, sia questo studiare, lavorare, formarsi o aiutare qualcuno".


Conclude il ragionamento il ministro del Lavoro: "dobbiamo passare da una storia fatta essenzialmente di trasferimenti monetari, cioè ti do un po' di soldi perché tu stia a casa ad aspettare, a una in cui mi impegno ad aiutarti se tu esci di casa”.

Leggi altri articoli della categoria Generale