Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

8 gennaio 2016

Professionisti europei, lavorare all’estero sarà più facile

08/01/2015 – Si alleggeriscono i requisiti richiesti per il riconoscimento delle qualifiche professionali per i professionisti che intendono prestare all’estero servizi temporanei e occasionali. Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) con la circolare 3685/2015 ha spiegato alcuni contenuti del decreto che recepirà, entro il 18 gennaio 2016, la Direttiva 2013/55/UE sul riconoscimento delle qualifiche professionali all’interno dell’Unione Europea. Il testo ha avuto il via libera dalle competenti Commissioni del Senato e deve ora incassare l’ok alla Camera, regola anche la Tessera professionale europea (EPC) e introduce l’accesso parziale, cioè la possibilità di esercitare solo alcune mansioni di una determinata professione. Elementi pensati per aumentare la concorrenza includendo professionisti che prima sarebbero stati esclusi dalla possibilità di operare in Italia. Come già stabilito.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231