Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

7 dicembre 2016

Progettazione edifici in BIM, i Comuni chiedono un avvio graduale

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/12/2016 – La progettazione di edifici in BIM rappresenta un’opportunità, ma richiede anche un avvio graduale dati i costi elevati in termini di formazione dei dipendenti pubblici e licenze software. A pensarla così è l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) che ha risposto ad un questionario predisposto dal ministero delle infrastrutture. BIM, avvio graduale Secondo l’Anci, ci deve essere una prima fase di “accompagnamento” dei comuni più grandi. In questo periodo di rodaggio, l’uso del BIM dovrebbe essere limitato ad alcune tipologie di opere pubbliche, escludendo le progettazioni manutentive parziali di edifici o infrastrutture. Si dovrebbe quindi partire dalle opere nuove di consistente entità, come scuole, edifici di edilizia residenziale, uffici, infrastrutture strategiche, opere ed infrastrutture di cui i comuni ed altri enti intendono affidare la manutenzione in global service,.. Continua a leggere su Edilportale.com