Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

31 marzo 2017

proposta di Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

raccolta dei contributi da parte della società civile

minambiente.it proposta di Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibileIl 21 marzo 2017 il Ministero dell’Ambiente ha presentato agli interlocutori della società civile, della ricerca, dell’economia e delle istituzioni una proposta di Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile. La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile mira a mobilitare le energie di tutto il Paese nell’attuazione dell’Agenda 2030, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2015. L’incontro del 21 marzo ha rappresentato un momento importante di condivisione dei contenuti e dell’ascolto delle istanze della società civile, anche in vista dei successivi passaggi istituzionali alla Conferenza Stato-Regioni e al CIPE, così come previsto dalla Legge n. 221 del 28 dicembre 2015 (“Collegato ambientale”). Nel corso dell’incontro è stata avviata la fase di raccolta dei contributi da parte della società civile, auspicando un’ampia partecipazione dei diversi interlocutori alla finalizzazione del testo della Strategia Nazionale. I contributi sintetici dovranno auspicabilmente pervenire entro il 10 aprile 2017 presso comunicazionedgsvi@minambiente.it.

Definire un programma strategico per il Paese, una visione comune che avvii un percorso strutturale di riforme in grado di affrontare le questioni ambientali, economiche e sociali ancora irrisolte, è una esigenza cruciale per porre le basi di un futuro sostenibile per l’Italia. La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile 2017- 2030 (SNSvS) è una risposta a tale esigenza. Un insieme di obiettivi e di possibili misure capace di orientare il sistema politico-normativo e conferire maggiore coerenza al percorso, spesso frammentato e contraddittorio, di sviluppo sostenibile del Paese per stimolare la crescita economica conciliandola con la tutela dell’ambiente e la protezione e promozione sociale. La definizione della Strategia prende le mosse, in prima istanza, da quanto stabilito dall’art. 3 della Legge n. 221 del 28 dicembre 2015 1 , che prevede che “... Il Governo ... su proposta del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare entita  la  Conferenza  permanente  per  i  rapporti tra  lo  Stato  le  regioni  e  le  province  autonome,  ed  entita  la  Conferenza  permanente  per  i  rapporti tra  lo  Stato  le  regioni  e  le  province  autonome,  ed  acquisito il parere delle associazioni ambientali ... provvede, con cadenza almeno triennale, all'aggiornamento della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile di cui alla delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica del 2 agosto 2002.

documentoScarica Documento