Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

24 settembre 2014

Proteggere la salute dei lavoratori


Proteggere la salute dei lavoratori

Proteggere la salute dei lavoratoriRicerca OMS

Fatti salienti

  • In molti paesi, più della metà dei lavoratori sono impiegati nel settore informale, senza alcuna protezione sociale per la ricerca sanitaria e mancanza di applicazione di regolamentazione di standard di salute e sicurezza sul lavoro.
  • Servizi di medicina del lavoro per consigliare i datori di lavoro sul miglioramento delle condizioni di lavoro e il monitoraggio della salute dei lavoratori coprire per lo più grandi aziende del settore formale e più del 85% dei lavoratori delle piccole imprese, settore informale, l'agricoltura ei migranti in tutto il mondo non hanno alcuna copertura sanitaria sul lavoro
  • Alcuni rischi professionali, come ad esempio lesioni, rumore, agenti cancerogeni, particelle sospese e rischi ergonomici rappresentano una parte sostanziale del peso delle malattie croniche: il 37% di tutti i casi di mal di schiena, il 16% di perdita dell'udito, il 13% di cronica ostruttiva malattie polmonari, l'11% di asma, l'8% delle lesioni, il 9% di cancro al polmone, 2% di leucemia e l'8% di depressione.
  • Ogni anno 12,2 milioni di persone, per lo più nei paesi in via di sviluppo, muoiono per malattie non trasmissibili, mentre ancora in età lavorativa attiva.
  • Problemi di salute legati al lavoro si traducono in una perdita economica del 4-6% del PIL per la maggior parte dei paesi. I servizi sanitari di base per prevenire sul lavoro e malattie professionali costano in media tra US $ 18 e US $ 60 (potere d'acquisto) per lavoratore.
  • Circa il 70% dei lavoratori non hanno alcuna assicurazione per rimediarvi in ​​caso di malattie e infortuni sul lavoro.
  • La ricerca ha dimostrato che le iniziative di salute sul luogo di lavoro può contribuire a ridurre l'assenteismo per malattia congedo del 27% e di assistenza sanitaria i costi per le imprese del 26%.

Panoramica

Centri di cura primaria potrebbero fornire alcuni interventi essenziali per la tutela della salute dei lavoratori, come la consulenza per il miglioramento delle condizioni di lavoro, la rilevazione delle malattie professionali e della sorveglianza sanitaria dei lavoratori, anche se nella maggior parte dei paesi l'attenzione è ancora in trattamento medico piuttosto che di prevenzione.

Che cosa determina la salute dei lavoratori

Economicamente le persone attive spendono in media circa un terzo del loro tempo sul posto di lavoro.  Occupazione e condizioni di lavoro hanno potenti effetti sul patrimonio netto della salute. 

Buone condizioni di lavoro in grado di fornire una protezione sociale e lo stato, le opportunità di sviluppo personale, e la protezione dai rischi fisici e psicosociali. Essi possono anche migliorare le relazioni sociali e l'autostima dei dipendenti e portare a effetti positivi sulla salute.

La salute dei lavoratori è un prerequisito essenziale per il reddito delle famiglie, la produttività e lo sviluppo economico.

Pertanto, il ripristino e il mantenimento di capacità di lavoro è una funzione importante dei servizi sanitari.

Rischi per la salute sul luogo di lavoro, come il calore, il rumore, la polvere, sostanze chimiche pericolose, le macchine non sicure e di stress psicologico, causano malattie professionali e possono aggravare altri problemi di salute. Condizioni di occupazione, di lavoro e la posizione nella gerarchia posto di lavoro riguardano anche la salute. Le persone che lavorano sotto stress o con condizioni di lavoro precarie sono propensi a fumare più, meno esercizio fisico e avere una dieta non sana.

Oltre alle cure di salute generale, tutti i lavoratori - e in particolare quelli in occupazioni ad alto rischio - servizi sanitari necessità di valutare e ridurre l'esposizione a rischi occupazionali, nonché la sorveglianza medica per la diagnosi precoce delle malattie e delle lesioni professionali e sul lavoro.

Le malattie croniche respiratorie, disturbi muscoloscheletrici, perdita dell'udito causata dal rumore e problemi della pelle sono le malattie professionali più comuni. Eppure, solo un terzo dei paesi hanno programmi in atto per affrontare questi problemi.

Malattie collegati al lavoro non trasmissibili (MNT), così come le malattie cardiovascolari e depressione causate da stress occupazionale risultato in aumento dei tassi di malattia di lunga durata e assenza dal lavoro. Professionale malattie non trasmissibili includono tumori professionali, bronchite cronica e asma causati dall'inquinamento dell'aria nei luoghi di lavoro e la radiazione.

Nonostante queste malattie, nella maggior parte dei paesi in via di medici e infermieri non sono adeguatamente formati per affrontare i problemi di salute legati al lavoro e molti paesi non offrono formazione post diploma in medicina del lavoro.

La copertura sanitaria dei lavoratori

Problemi di salute legati al lavoro si traducono in una perdita economica del 4-6% del PIL per la maggior parte dei paesi. Circa il 70% dei lavoratori non hanno alcuna assicurazione per rimediarvi in ​​caso di malattie e infortuni sul lavoro.

Copertura sanitaria universale combina l'accesso ai servizi necessari per raggiungere una buona salute (promozione della salute, prevenzione, cura e riabilitazione, comprese quelle che Affrontare i determinanti sanitari) con la protezione finanziaria che impedisce cattiva salute che conduce alla povertà.

Ci sono interventi efficaci per prevenire le malattie professionali. Per esempio l'incapsulamento delle fonti di inquinamento, ventilazione, controllo del rumore, la sostituzione di sostanze chimiche pericolose, il miglioramento dei mobili e l'organizzazione del lavoro.

Il compito dei servizi di medicina del lavoro specializzato è quello di valutare questi rischi e sviluppare raccomandazioni per la prevenzione delle malattie professionali e correlate al lavoro. I lavoratori a rischio hanno bisogno di regolari controlli medici per rilevare qualsiasi problema di salute in una fase precoce, quando il trattamento e la modifica del luogo di lavoro può aiutare a evitare danni permanenti.

Attualmente, i servizi di medicina del lavoro specializzati sono disponibili solo per il 15% dei lavoratori in tutto il mondo, soprattutto nelle grandi aziende che offrono l'assicurazione sanitaria e benefici infortuni sul lavoro. Con il perdurare della crisi del lavoro globale, sempre più persone cercano lavoro nel settore informale, senza alcuna copertura assicurativa e nessun servizio di medicina del lavoro. Molti di questi lavoratori spesso lavorano anche in condizioni pericolose e subiscono sul lavoro malattie, lesioni e disabilità. In molte comunità, quando il capofamiglia si ammala tutta la famiglia soffre in quanto non vi è alcuna protezione sociale.

Centri di assistenza primaria in grado di fornire alcuni servizi professionali di base per i lavoratori del settore informale e nelle piccole enterpises nella comunità. Il più delle volte svolgono visite sul posto di lavoro con le raccomandazioni per il miglioramento, e conducono preliminare e periodica esami medici, la diagnosi e la segnalazione delle malattie professionali e correlate al lavoro. Centri di cura primaria potrebbero anche formare e lavorare con i volontari sanitari e rappresentanti della sicurezza sul posto di lavoro ad attuare misure semplici per la prevenzione delle malattie professionali e di fornire consulenza sui metodi di lavoro più sicure. I costi di questi servizi varia tra US $ 18 e US $ 60 (parità di potere d'acquisto) per lavoratore. I loro benefici dovrebbero includere:

  • miglioramenti sul posto di lavoro anche dopo la prima visita;
  • rilevare e gestire i problemi di salute legati al lavoro in una fase iniziale; e
  • educare e coinvolgere le comunità che lavorano nella tutela della loro salute.

La ricerca ha dimostrato che le iniziative di salute sul luogo di lavoro può contribuire a ridurre l'assenteismo per malattia congedo del 27% e di assistenza sanitaria i costi per le imprese del 26%.

CHI risposta

Risoluzione dell'Assemblea mondiale della sanità WHA60.26, "Salute dei lavoratori: Global Plan of Action", ha esortato gli Stati membri "ad adoperarsi per la piena copertura di tutti i lavoratori, in particolare quelli nel settore informale, l'agricoltura, le piccole imprese ei lavoratori migranti con interventi essenziali e servizi di base professionali sanitari per la prevenzione primaria delle malattie e delle lesioni professionali e sul lavoro ".

La strategia per migliorare la copertura sanitaria dei lavoratori, compresi coloro che lavorano nelle piccole imprese e il settore informale è quello di lavorare con i paesi nelle seguenti direzioni strategiche.

  1. Aumentare le competenze di fornitori generali cure primarie professionisti, infermieri, tecnici ambientali e di salute pubblica della comunità dei lavoratori a fornire servizi di base di medicina del lavoro come la consulenza sul miglioramento delle condizioni di lavoro, il monitoraggio dello stato di salute dei lavoratori e di rilevazione delle malattie professionali più comuni tra i lavoratori delle piccole imprese, le zone rurali, le aziende agricole, il settore informale e tra i migranti.
  2. Ampliare la copertura e migliorare la qualità dei servizi di medicina del lavoro specializzato nelle grandi e medie imprese e le zone industriali, con particolare attenzione alla valutazione e riduzione dei rischi professionali; la sorveglianza e il miglioramento dell'ambiente di lavoro, organizzazione del lavoro, macchinari e attrezzature; diagnosi precoce e riabilitazione delle malattie professionali;promozione della salute; e la fornitura di primo soccorso sul luogo di lavoro.
  3. Stabilire connessioni tra i servizi di medicina del lavoro e centri di cure primarie per facilitare la cura dei lavoratori affetti da malattie croniche e il loro ritorno al lavoro dopo una lunga assenza dovuta a malattia.
  4. Lo sviluppo della salute in iniziative, strumenti e metodi per potenziare le imprese e le altre impostazioni di lavoro per prendersi più cura della salute, senza indebitamente affidamento su servizi sanitari professionali.
  5. Compresa la salute sul lavoro con la formazione in servizio di tutti gli operatori sanitari di prima linea e di alcuni medici specialisti che si occupano di cancro della pelle, malattie respiratorie e neurologiche e disturbi muscolo-scheletrici.
  6. Lo sviluppo di tabelle di marcia per promuovere l'accesso dei lavoratori di interventi e servizi essenziali, come definiti a livello nazionale, per la prevenzione e il controllo delle malattie professionali e correlate al lavoro. Questi includono la copertura di monitoraggio e fissare obiettivi realistici in linea con la disponibilità di risorse umane e finanziarie per le tradizioni sanitarie e locali.

fonte : scheda n.389 pubblicata dall’Oms dal titolo Protecting worker’s health


Leggi altri articoli della categoria Generale