Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

20 settembre 2012

Rating di legalità delle imprese, le osservazioni di Assonime

Assonime ha trasmesso all'Agcm il proprio contributo nell'ambito della consultazione pubblica sulla bozza di regolamento in tema di rating di legalità delle imprese (articolo 5-ter del decreto legge 24 gennaio 2012), proponendo osservazioni sul testo predisposto dall'Autorità (ambito di applicazione, requisiti necessari per ottenere il rating e per incrementare il punteggio, procedure) assieme ad una riflessione più ampia su come inserire in modo coerente il nuovo istituto del rating di legalità nel nostro sistema giuridico.

Per quanto di nostro più specifico interesse, con riferimento ai requisiti per ottenere un punteggio superiore, Assonime suggerisce di ampliare l'elenco dei requisiti virtuosi aggiungendo tra le misure a cui potrebbe essere attribuito rilievo: "l'adozione di specifiche procedure di whistleblowing che consentano la raccolta di segnalazioni da chiunque ne venga a conoscenza e di una adeguata procedura di gestione delle informazioni raccolte; l'adozione di un sistema di gestione ambientale certificato; l'adozione di adeguati programmi di compliance anticorruzione; l'adozione ed efficace attuazione di un modello di organizzazione e gestione ai sensi dell'articolo 30 del decreto legislativo n. 81/2008, in materia di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro; l'adozione di un processo strutturato di formazione e compliance in materia di protezione dei dati personali."

Le osservazioni alla "Consultazione dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato sulla bozza di regolamento in tema di rating di legalità" possono essere scaricate dal sito di Assonime.

Leggi altri articoli della categoria Senza categoria