Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

15 maggio 2015

Riscaldamento in condominio, chi sostiene i costi dell’adeguamento?

15/05/2015 -  Non possono scaricarsi sul condominio che adotta un sistema di contabilizzazione dei consumi i maggiori costi dovuti agli interventi effettuati dal singolo condomino nella sua abitazione. Lo ha spiegato di recente la Cassazione con la sentenza 8724/2015. Nel caso preso in esame, un condominio aveva deliberato l’installazione di un sistema per la ripartizione dei consumi di riscaldamento mediante contatori elettronici e valvole termostatiche da applicare in ogni appartamento. Il 20% delle spese sarebbe stato suddiviso secondo le tabelle millesimali, mentre l’80% in base alle rilevazioni effettuate dai nuovi contatori. Contro questa decisione si era opposto un condomino che aveva già dotato la sua abitazione di un impianto di riscaldamento autonomo funzionante in parallelo a quello centralizzato. A suo avviso, l’installazione dei nuovi elementi avrebbe reso inattendibile la lettura dei consumi. La posizione.. Continua a leggere su Edilportale.com Corsi Online Italia