Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

22 gennaio 2016

Scia unica in tutta Italia

Aprovato decreto legislativo recante attuazione della delega di cui all’articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124

Scia unica in tutta Italia

SCIALa Segnalazione Certificata di Inizio Attività, ovvero Scia, è la dichiarazione che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva (artigianale, commerciale, industriale), senza dover più attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti. La dichiarazione dell’imprenditore sostituisce le autorizzazioni, licenze o domande di iscrizioni non sottoposte a valutazioni discrezionali o al rispetto di norme di programmazione e pianificazione, così come di vincoli ambientali, paesaggistici, culturali, ecc

Il decreto legislativo recante attuazione della delega di cui all’articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124 grazie al quale si potrà presentare presso un unico ufficio, anche in via telematica, un unico modulo standard e valido in tutto il paese. La pubblica amministrazione destinataria della SCIA pubblicherà sul proprio sito istituzionale il modello unificato e standardizzato e indicherà l’ufficio unico al quale dovrà recarsi l’interessato. L’eventuale richiesta al cittadino di documenti ulteriori rispetto a quelli previsti sarà considerata inadempienza sanzionabile sotto il profilo disciplinare. Presentare la SCIA attraverso il modulo standard, senza che l'amministrazione possa richiedere altra documentazione, altrimenti scattano sanzioni disciplinari per i responsabili della PA. E tempi certi per la conferenza dei servizi, semplificata e telematica. Sono le novità presentate in via preliminare nell'ultimo Consiglio dei Ministri, in attuazione della riforma della PA. I decreti legislativi andranno in Parlamento per ricevere osservazioni e poi saranno varati in via definitiva dal Consiglio dei Ministri. Quanto ai tempi: ci vorranno circa tre mesi, ha precisato il presidente del Consiglio, per il via libera definitivo. Vengono introdotte la conferenza dei servizi semplificata, che non prevede riunioni fisiche, ma solo l'invio dei documenti per via telematica, e la conferenza simultanea con riunione (anche telematica) che si svolge solo quando è strettamente necessaria. In entrambi i casi si considera acquisito l'assenso delle amministrazioni che non si sono espresse. Il tempo massimo di risposta previsto è di 5 mesi. LOGO MODI CON GONDOLA - per facebook