Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

30 marzo 2017

Se l’edificio crolla, il progettista è responsabile?

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23130/03/2017 – Un progettista è colpevole del crollo di un’opera solo se non ha rispettato le norme tecniche vigenti al momento della progettazione dell’intervento. Lo ha spiegato la Corte di Cassazione con la sentenza 15138/2017, depositata nei giorni scorsi. I giudici si sono pronunciati sul caso di un crollo che ha coinvolto un edificio realizzato tra il 1961 e il 1962, sul quale tra il 1964 e il 1965 erano stati effettuati l’ampliamento del piano terra e la sopraelevazione di due piani. Aumento dei carichi e crolli Le perizie, realizzate dopo il crollo avvenuto nel 2004, avevano stabilito che il collasso era stato determinato dal cedimento di un setto murario situato al piano terra. Il setto murario, inizialmente realizzato come struttura portante di un fabbricato ad un piano, era stato trasformato in “muro di spina”, con funzione portante rispetto a un fabbricato notevolmente diverso e di maggiori dimensioni. Questo,.. Continua a leggere su Edilportale.com