Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

22 gennaio 2015

Split payment, La Pa non pagherà più l’imposta al fornitore o al prestatore


Split payment

Nel caso di prestazioni di servizi e cessioni di beni ad enti pubblici l'Iva è versata direttamente dall'ente stesso. Il regime si applica alla fatture emesse dal 1°gennaio 2015.

PALa Legge di Stabilità 2015 (Legge 190/2014), pubblicata con GU n°300 del 29 dicembre 2014, ha introdotto un nuovo regime Iva denominato "split payment" da utilizzarsi a partire dal 1°gennaio 2015 in caso di cessioni di beni o prestazioni di servizi nei confronti di enti pubblici.

Come funziona, con lo split payment, il prestatore o cedente emette fattura nelle modalità ordinarie (indicando il riferimento all'art.17-ter del DPR 633/1972), quindi con la rivalsa dell'Iva; quest'ultima, tuttavia, non verrà incassata dal fornitore bensì versata direttamente dall'ente pubblico.

In sede di registrazione della fattura, dunque, l'Iva verrà annotata nel registro Iva vendite ma non ricadrà nella liquidazione periodica.

La Pa non pagherà più l'imposta al fornitore o al prestatore, ma la verserà direttamente allo Stato. La norma, però, prevede che queste nuove regole non si applichino "ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito" (articolo 17-ter, comma 2, dpr 633/1972).

Gli esercenti arti e professioni, però, sono soggetti alle ritenute d'acconto e non a quelle d'imposta. Secondo la Fondazione, comunque, «l'equivoco sorge da una non corretta lettura consequenziale delle parole usate dal legislatore, nel senso che la parola "imposta", fonte di tanti equivoci, deve essere legata alle parole "sul reddito" e non invece alle parole "ritenute alla fonte a titolo di» imposta. Leggendo «in tal senso la disposizione normativa», quindi, «è possibile confermare l'esclusione dello split payment nei confronti dei professionisti soggetti a ritenuta d'acconto».

Non rientrano nel campo applicativo dello split payment le operazioni rese da professionisti assoggettati a ritenuta a titolo d’acconto. E’ questa, in estrema sintesi, la risposta fornita dalla Fondazione nazionale dei commercialisti (FNC) alle numerose richieste di chiarimento ricevute dagli iscritti.

La formulazione della norma, inoltre, è tale da attrarre nel meccanismo speciale anche le forniture effettuate fra le pubbliche amministrazioni: pertanto, salvo modifiche successive, anche gli enti pubblici che, in veste di operatori economici, cedono beni o prestano servizi ad altri enti pubblici, non potranno incassare l’IVA dai loro clienti.

Art. 17-ter. -- (Operazioni effettuate  nei  confronti  di  enti pubblici). --- 1. Per le cessioni di beni e  per  le  prestazioni  di servizi effettuate nei confronti  dello  Stato,  degli  organi  dello Stato ancorche' dotati di personalita' giuridica, degli enti pubblici territoriali  e  dei  consorzi   tra   essi   costituiti   ai   sensi dell'articolo 31 del testo unico di cui  al  decreto  legislativo  18 agosto 2000, n. 267, e  successive  modificazioni,  delle  camere  di commercio,  industria,  artigianato  e  agricoltura,  degli  istituti universitari, delle aziende sanitarie locali, degli enti ospedalieri, degli enti pubblici di ricovero e cura  aventi  prevalente  carattere scientifico, degli enti pubblici di assistenza  e  beneficenza  e  di quelli di previdenza, per i quali i suddetti cessionari o committenti non sono debitori d'imposta ai sensi delle  disposizioni  in  materia d'imposta sul valore aggiunto, l'imposta e' in ogni caso versata  dai medesimi secondo modalita' e termini fissati con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze.


Leggi altri articoli della categoria Generale