1 Normativa Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts tagged ‘Normativa’

22
Gen

Equo compenso, sopraelevazioni, affidamento diretto: sfuma la riforma del Codice Appalti

22/01/2019 – Si concludono con un nulla di fatto i tentativi di riforma a breve termine del Codice Appalti. Tutti gli emendamenti al ddl “Semplificazioni” sull’argomento sono stati ritirati. Diversi i motivi della scelta del Governo. In primo luogo l’esigenza di non dilatare i tempi dell’approvazione della legge, ma anche la volontà di approfondire la materia.   Codice Appalti, in arrivo un ddl urgente Durante i lavori delle Commissioni Lavori Pubblici e Affari Costituzionali del Senato, il Governo ha manifestato la volontà di trattare la materia della riforma del Codice Appalti con un disegno di legge di iniziativa parlamentare che conterrà disposizioni urgenti. Il ddl, ha spiegato il capogruppo del M5S in Senato, Stefano Patuanelli, sarà varato subito, in attesa della legge Delega.   “La riforma del codice degli appalti deve essere fatta bene ma ci sono alcune cose che si possono fare prima” ha..
Continua a leggere su Edilportale.com

22
Gen

Fattura elettronica, via al nuovo standard europeo negli appalti

22/01/2019 – Via allo standard unico europeo sulla fatturazione elettronica negli appalti pubblici. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo 148/2018, che recepisce la Direttiva 2014/55/UE.   La norma è stata adottata perché, anche se nel settore pubblico la fatturazione elettronica è già consolidata, ogni Paese europeo utilizza un suo standard, che spesso rende difficile la partecipazione alle gare d’appalto agli operatori di un Paese diverso.   Fattura elettronica, a chi si applica lo standard europeo L’obbligo di utilizzare il nuovo standard europeo vale per le Pubbliche Amministrazioni e gli enti aggiudicatori di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture.   Sono invece escluse le fatture elettroniche inerenti a contratti pubblici, stipulati nel settore della difesa e della sicurezza, nel caso in cui l’aggiudicazione e l’esecuzione siano dichiarate segrete o debbano..
Continua a leggere su Edilportale.com

22
Gen

Codice Appalti, sfumano le prime riforme del ddl ‘Semplificazioni’

22/01/2019 – Si concludono con un nulla di fatto i tentativi di riforma a breve termine del Codice Appalti. Tutti gli emendamenti al ddl “Semplificazioni” sull’argomento sono stati ritirati. Diversi i motivi della scelta del Governo. In primo luogo l’esigenza di non dilatare i tempi dell’approvazione della legge, ma anche la volontà di approfondire la materia.   Codice Appalti, in arrivo un ddl urgente Durante i lavori delle Commissioni Lavori Pubblici e Affari Costituzionali del Senato, il Governo ha manifestato la volontà di trattare la materia della riforma del Codice Appalti con un disegno di legge di iniziativa parlamentare che conterrà disposizioni urgenti. Il ddl, ha spiegato il capogruppo del M5S in Senato, Stefano Patuanelli, sarà varato subito, in attesa della legge Delega.   “La riforma del codice degli appalti deve essere fatta bene ma ci sono alcune cose che si possono fare prima” ha..
Continua a leggere su Edilportale.com

18
Gen

Sopraelevazioni senza verifica sismica, la proposta del Governo

18/01/2019 - Le sopraelevazioni che non superano il 5% della volumetria complessiva autorizzata e il cui carico non superi quello preesistente all’intervento, potranno essere realizzate senza l’obbligo delle verifiche di sicurezza strutturale ai sensi delle Norme Tecniche per le Costruzioni, tranne che ‘in classe sismica 1’.   Lo prevede un emendamento dei relatori Mauro Coltorti (M5S) e Daisy Pirovano (Lega) al disegno di legge di conversione del DL Semplificazione all’esame delle Commissioni del Senato, che aggiunge un nuovo comma dopo il comma 2 dell’articolo 90, del Testo Unico Edilizia (Dpr 380/2001).   La novità ha l’obiettivo di semplificare il sistema dei controlli previsti per la realizzazione di piccoli ampliamenti degli edifici situati nelle zone a minor rischio sismico.   Le condizioni per evitare di eseguire le verifiche strutturali ai sensi delle NTC (DM 17 gennaio 2018) sono quindi: - che la sopraelevazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

17
Gen

Consumo di suolo, Ance propone una ‘rivoluzione culturale’

17/01/2019 – Promuovere una rivoluzione culturale per rendere il processo di rigenerazione urbana conveniente e aderente alla realtà. È la proposta per il contrasto al consumo di suolo presentata dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) in audizione presso le Commissioni riunite Agricoltura e Territorio ed Ambiente del Senato. L’Ance, rappresentata dal vicepresidente Filippo Delle Piane, ha presentato una serie di proposte per far sì che i disegni di legge n. 86 e n.164 risolvano le criticità presenti nel patrimonio edilizio e infrastrutturale, evitando che restino provvedimenti avulsi dalla realtà. Consumo di suolo netto pari a zero e rigenerazione L’Ance ha spiegato che l’obiettivo europeo del “consumo netto pari a zero” non impone il divieto di occupazione di nuovo territorio. L’occupazione infatti è consentita a condizione che “avvenga a saldo zero”,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
17
Gen

Professionisti e imprese, più vicini i pagamenti della PA

17/01/2019 – Sta per sbloccarsi la situazione di professionisti e imprese che vantano crediti nei confronti di Regioni ed Enti locali. È attiva la piattaforma con cui Cassa Depositi e Prestiti (CdP) anticiperà ai fornitori i pagamenti della Pubblica Amministrazione maturati al 31 dicembre 2018. Pagamenti PA, la soluzione di Cassa Depositi e Prestiti CdP presterà agli Enti le risorse necessarie al pagamento dei debiti ai loro fornitori a condizioni favorevoli. In questo modo sarà possibile raggiungere un duplice obiettivo: non gravare sulle casse delle Pubbliche amministrazioni e far ottenere a professionisti e imprese la liquidazione dei loro crediti. La misura contribuirà a risolvere il problema della mancanza di liquidità, che in questi anni ha portato diversi soggetti a cessare la propria attività. Pagamenti PA, sull’Italia il faro di Bruxelles In Europa la Direttiva 2011/7/UE sui ritardi.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
16
Gen

Sopraelevazione in aderenza a edificio confinante, ok con giunto antisismico

16/01/2019 – Realizzare una sopraelevazione non è sempre possibile. Oltre al rispetto delle norme urbanistiche sulle distanze minime e le altezze massime consentite, è fondamentale assicurare la sicurezza antisismica. Non sono invece importanti i materiali utilizzati. Questo, in sintesi, il giudizio espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 121/2019. Sopraelevazione e normativa antisismica Secondo la Cassazione, per la corretta applicazione della normativa antisismica, non si può edificare innestando il proprio muro in aderenza a quello di una costruzione preesistente. Le due costruzioni devono rimanere separate da un giunto tecnico o da un altro accorgimento per ridurre la rigidità delle strutture e rendere flessibili le due unità in caso di terremoto. Non è importante, hanno sottolineato i giudici, la tecnica costruttiva utilizzata. Quello che rileva è che l’aggancio del nuovo manufatto.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
16
Gen

Tettoia o pergotenda? Gli elementi per distinguerle

16/01/2019 – Quando una struttura di copertura è assimilabile a una pergotenda, che rientra tra le opere di edilizia libera per cui non è richiesta alcuna autorizzazione, e quando è classificata come ‘tettoia’ per cui è necessario chiedere il permesso di costruire? A fare maggiore chiarezza due sentenze del Consiglio di Stato: la sentenza 5737/2018, in cui si spiega quale sia la caratteristica principale di una pergotenda, e la sentenza 58/2019, in cui si chiariscono alcune differenze dimensionali tra tettoie e pergotende. Pergotenda: qual è la sua funzione principale Nella sentenza 5737/2018 i Giudici hanno spiegato che per ‘pergotenda’ si intende una struttura in cui “l’opera principale sia costituita non dalla struttura in sé, ma dalla tenda, quale elemento di protezione dal sole o dagli agenti atmosferici, con la conseguenza che la struttura deve qualificarsi in termini di mero.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
15
Gen

Consulenza per la Realizzazione di un Modello Organizzativo di Gestione e Controllo Privacy

 
Lo staff di consulenzaprivacyregolamentoue679.it by MODI SRL, eroga servizi di Consulenza per la Realizzazione di un Modello Organizzativo di Gestione e Controllo Privacy conforme al REGOLAMENTO (UE) 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.
Eseguiamo Audit e Riesame del Sistema di Gestione dei Dati Personali "Privacy".
• Adeguamento a fronte di eventuali novità legislative o modifiche organizzative; • Audit per verificare lo stato di conformità aziendale al Sistema di Gestione dei Dati Personali "Privacy". • Relazione sullo stato di conformità aziendale in base a quanto emerso dall'Audit Interno; • Eventuale Revisione Documentale. Per consulenze Privacy, nomina in esterndo di un RDP/DPO, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
15
Gen

Appalti, procedure negoziate a maglie larghe solo nei piccoli Comuni

15/01/2019 – Limitare ai piccoli Comuni le deroghe al Codice Appalti introdotte con la Legge di Bilancio per il 2019. È l’obiettivo di un emendamento al ddl ‘Semplificazioni’ presentato dai senatori M5S Agostino Santillo, Stefano Patuanelli e Ugo Grassi. Codice Appalti, le deroghe della Legge di Bilancio 2019 Il comma 912 della legge di Bilancio per il 2019 amplia per un anno la portata degli affidamenti diretti e delle procedure negoziate. In attesa di una riforma più organica del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016), fino al 31 dicembre 2019 le Stazioni Appaltanti potranno procedere all'affidamento di lavori di importo pari o superiore a 40mila euro e inferiore a 150mila euro mediante affidamento diretto previa consultazione, ove esistenti, di tre operatori economici. Per i lavori di importo compreso tra 150mila e 350mila euro si potrà utilizzare la procedura negoziata previa consultazione di.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231