Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

16 novembre 2016

Tende da sole e distanze tra edifici, i diritti dei vicini vanno bilanciati

16/11/2016 – Le tende parasole devono rispettare la distanza di tre metri dalle costruzioni confinanti, ma in caso di conflitti tra vicini è il giudice che deve valutare caso per caso il da farsi. È la conclusione cui è arrivato il Tribunale di Genova con la sentenza 2540/2016. Spesso la giurisprudenza ha considerato le tende da sole come delle costruzioni perché vuoi per le strutture, vuoi per i materiali utilizzati, compromettevano il diritto di veduta e privavano gli appartamenti vicini di aria e luce. Alle tende da sole, quindi, si applica l’articolo 907 del Codice Civile sulla distanza delle costruzioni dalle vedute. Nella pratica, però, il giudice deve sempre bilanciare i diversi interessi in gioco, quindi quello di dotarsi di una protezione dal sole e quello di usufruire di aria e vedute. Nel caso preso in esame, un condòmino aveva installato una tenda da sole sul suo terrazzo, ma il vicino ne aveva.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231