Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

18 marzo 2016

Terre da scavo, Ance: il nuovo decreto non incentiva il riutilizzo

18/03/2016 – Il nuovo provvedimento sulle terre e rocce da scavo complica anziché semplificare la gestione dei materiali estratti durante i lavori e non ne incentiva il riutilizzo. Lo ha denunciato l’Associazione nazionale costruttori edili (ANCE) in un’audizione in Commissione Ambiente del Senato. A detta degli edili, il decreto non affronta in modo esauriente il tema delle bonifiche, fondamentale per la riqualificazione delle aree industriali dismesse, il consumo di suolo e il processo di “saldo zero” nell’utilizzo del territorio urbano. Giudicati inoltre troppo laboriosi e costosi i processi per il riutilizzo, che potrebbero far propendere gli operatori per conferire in discarica tutti i materiali estratti, con ripercussioni negative in termini di sostenibilità ambientale. Terre da scavo e piccoli cantieri L’Ance ha evidenziato che nei cantieri fino a 6mila metri cubi per la realizzazione di opere non.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231