1 Amministratore - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts by Amministratore

21
Ago

FASCICOLO AMIANTO


Programma di individuazione, valutazione custodia, controllo e manutenzione delle strutture e impianti

FASCICOLO AMIANTO

FASCICOLO AMIANTORiceviamo e pubblichiamo Documento di Silvio Coxe e Alberto Verardo

La Legge 27 marzo 1992 numero 257 "Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto", definibile come lo spartiacque tra il passato (rappresentato dalle attività di produzione, commercializzazione e utilizzo dell'amianto e dei prodotti che lo contengono) e il presente (che tale sarà sino alla dismissione totale dei materiali contenenti amianto ancora oggi installati), prevede, all'articolo 12, l'accertamento della presenza di tale minerale e la successiva immediata effettuazione del censimento del medesimo i seguendo l'indicazione contenuta nell'allegato 5 all'articolo unico del Decreto Ministeriale 6 settembre 1994 "Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'articolo 6 comma 3 e dell'articolo 12 comma 2 della Legge 257/92 relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto"

L'avvenuto accertamento della presenza e il conseguente censimento, determinano l'esigenza di adottare specifiche azioni di vigilanza e controllo, finalizzate alla prevenzione di situazioni di pericolo derivanti dalla dispersione in ambiente di fibre di amianto che, se introdotte nell'organismo, potrebbero originare nocività per la salute.
Vi è dunque la necessità di individuare uno strumento di indirizzo comportamentale, predisposto per la corretta e coerente gestione della presenza di manufatti contenenti amianto in strutture complesse di tipo civile (ma anche industriale ed agricolo).
Questo favorirebbe certamente anche una progress iva uniformità nelle procedure, nelle metodologie, nei comportamenti, attraverso l'utilizzo di modulistiche e documentazioni di registrazione e di informazioni tecnicooperative uniformi.
Assolve a questa finalità l'insieme di atti e documenti che compongono quello che può a ragione definirsi "FASCICOLO AMIANTO" dell'edificio o dell'impianto preso in esame.

FASCICOLO AMIANTO FASCICOLO AMIANTO


3
Ago

checklist formazione, privacy, datore di lavoro


Qualità, Ambiente Sicurezza
News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, checklist formazione, privacy, datore di lavoro, Banca dati Newsletter 36 del 3 Agosto 2017
In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.

Clicca qui per recupero facile delle credenziali

linkedin

Rischio chimico acconciaturaGruppo linkedin del Portale Consulenti
Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24checklist formazione lavoratori
Elenco delle voci corrispondenti ai controlli da eseguire nelle varie fasi della formazione
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24E-state in privacy
Informazioni utili su selfie e foto, protezione di smartphone e tablet, acquisti on line, uso di app
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24Individuazione del datore di lavoro del Comando carabinieri per la tutela della salute
DECRETO 30 maggio 2017 MINISTERO DELLA SALUTE GU Serie Generale n.167 del 19-07-2017
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24Sicurezza nelle cave di marmo
Campagna di comunicazione per la sicurezza sul lavoro nelle cave di marmo
Temperature elevate cantiericheck list cantieri, edilizia, Banca dati
sicurezza ambiente qualità E-learning HSE
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24Audit check list cantieri
Silvio Coxe ha curato la realizzazione una check list dedicata alla sicurezza dei cantieri
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia
Il Consiglio regionale della Sardegna Legge Regionale 11 del 03/07/2017
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24Pericolo, Rischio, Asseverazione, Clima
News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24L'asseverazione di conformità dei rapporti di lavoro
certificare la regolarità delle imprese relativamente al rispetto della normativa di legge in materia
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24Botulismo e sicurezza alimentare
Indirizzi operativi A cura di Ministero della salute

26
Lug

Individuazione del datore di lavoro del Comando carabinieri per la tutela della salute

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

DECRETO 30 maggio 2017 MINISTERO DELLA SALUTE GU Serie Generale n.167 del 19-07-2017

Individuazione del datore di lavoro del Comando carabinieri per la tutela della salute

DECRETO 30 maggio 2017Art. 1 1. Il comandante dei Carabinieri per la tutela della salute e' individuato quale datore di lavoro per la sede  centrale e le sedi periferiche del medesimo comando, al fine di dare attuazione alle disposizioni contenute nel decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, citato in premessa. 2. Gli oneri di cui al comma 1 graveranno sul capitolo di spesa  n. 3045 p.g.8,  nell'ambito  della  missione  «tutela  della  salute» - programma  «vigilanza, prevenzione e repressione nel settore sanitario» - CdR «direzione generale del personale, dell'organizzazione e del bilancio» - Azione «vigilanza nel settore sanitario svolta dai nuclei antisofisticazioni e sanita' dell'Arma dei Carabinieri» dello stato di previsione del Ministero della salute. Art. 2   1. Il presente decreto sara' trasmesso ai competenti organi di controllo ed entrera' in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 30 maggio 2017

DECRETO 30 maggio 2017 DECRETO 30 maggio 2017

 
25
Lug

check list cantieri, edilizia, Banca dati

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Qualità, Ambiente Sicurezza
News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, check list cantieri, edilizia, Banca dati Newsletter 35 del 25 luglio 2017
In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.

Clicca qui per recupero facile delle credenziali

linkedin

E-learning_5.png Gruppo linkedin del Portale Consulenti  Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
 E-learning_5.png Audit check list cantieri Silvio Coxe ha curato la realizzazione una check list dedicata alla sicurezza dei cantieri
E-learning_5.png Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia Il Consiglio regionale della Sardegna Legge Regionale 11 del 03/07/2017
E-learning_5.png Pericolo, Rischio, Asseverazione, Clima News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE
Riduzione tasso INAIL 2017 – OT24 OT 24 2018
Rischio chimico acconciatura Rischio chimico acconciatura
E-learning_5.png Macchine movimento terra
Temperature elevate cantieri Temperature elevate cantieri
Sorveglianza sanitaria amianto Sorveglianza sanitaria amianto
 Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro Disturbi muscolo-scheletrici
 Elearning giocare per imparare Quello che l’e-learning può fare
check-list cantieri Audit check-list cantieri
 
24
Lug

Audit check list cantieri

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Silvio Coxe ha curato la realizzazione una check list dedicata alla sicurezza dei cantieri

Audit check list cantieri

Audit check list cantieriAutore: Silvio Coxe mail: silvio.coxe@gmail.com

Una lista di controllo, come questa, “ha lo scopo di fornire uno strumento di supporto alle ditte ed ai tecnici che vogliono migliorare le condizioni di salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri: con questo check-up di cantiere è possibile verificare se il cantiere è grosso modo ‘in regola’ prima dell'ispezione”. La check list costituisce un valido supporto per le imprese e per i tecnici che vogliono valutare le condizioni di salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri; può essere utilizzata sia dalle imprese come check-up preventivo per verificare se il cantiere è in regola prima di un’ispezione, sia dai coordinatori per rilevare e segnalare eventuali irregolarità.

La check list che riceviamo e pubblichiamo è di 176 pagine:

Documentazione Gestione e organizzazione del cantiere Tipologia delle lavorazioni Protezioni collettive Attrezzature Impianti elettrici Segnaletica per cantieri stradali Note

Audit check list cantieriAudit check list cantieri

File PDF circa 12 MB

 
21
Lug

Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Il Consiglio regionale della Sardegna Legge Regionale 11 del 03/07/2017

Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia

Legge Regionale 11 del 03/07/2017Il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato, lo scorso 27 Giugno, la legge sull’edilizia. La normativa approvata dalla giunta reca ‘Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia’. La legge va ad investire le tipologie di intervento su: • riuso dei volumi edilizi, • centri rurali, • trasferimento volumetrico per la riqualificazione paesaggistica, • frazionamenti di unità immobiliari a seguito degli interventi di aumento volumetrico.

Pubblicato in: Bollettino n.31 – Parte I e II del 06/07/2017 Data di Pubblicazione: 06/07/2017 Materie: LEGGI REGIONALI

Capo I  Modifiche alla legge regionale n. 23 del 1985

Art. 1 Modifiche all’articolo 3 della legge regionale n. 23 del 1985 (Opere soggette a permesso di costruire)

1. L’articolo 3 della legge regionale 11 ottobre 1985, n. 23 (Norme in materia di controllo dell’attività urbanistico-edilizia, di risanamento urbanistico e di sanatoria di insediamenti e opere abusive, di snellimento e accelerazione delle procedure espropriative), e successive modifiche ed integrazioni, è sostituito dal seguente:

Art. 3 (Opere soggette a permesso di costruire) 1. Sono soggetti a permesso di costruire, salvo quanto previsto negli articoli 10 bis e 15:

a) gli interventi di ristrutturazione edilizia, come definiti dall’articolo 3, comma 1, lettera d), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia – Testo A), e successive modifiche ed integrazioni; b) gli interventi di nuova costruzione, come definiti dall’articolo 3, comma 1, lettera e), del decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, e successive modifiche ed integrazioni; c) gli interventi di ristrutturazione urbanistica, come definiti dall’articolo 3, comma 1, lettera f), del decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, e successive modifiche ed integrazioni; d) gli interventi di cui all’articolo 2, comma 3, della legge regionale 2 agosto 2013, n. 19 (Norme urgenti in materia di usi civici, di pianificazione urbanistica, di beni paesaggistici e di impianti eolici).

2. Il permesso di costruire comporta la corresponsione degli oneri di urbanizzazione e del contributo di costo di costruzione, il cui calcolo è allegato alla dichiarazione autocertificativa. In caso di formazione del titolo ai sensi dell’articolo 34 della legge regionale 20 ottobre 2016, n. 24 (Norme sulla qualità della regolazione e di semplificazione dei procedimenti amministrativi), il mancato pagamento degli oneri, anche in modalità rateale ove ammessa, comporta la sospensione dell’efficacia del titolo abilitativo. In ogni caso i termini temporali di validità del titolo decorrono dalla data in cui l’intervento può essere iniziato secondo quanto disposto dall’articolo 34, comma 1, della legge regionale n. 24 del 2016. Nelle ipotesi di cui all’articolo 37 della legge regionale n. 24 del 2016, lo Sportello unico per le attività produttive e per l’edilizia (SUAPE) adotta il provvedimento finale condizionando l’efficacia del titolo alla presentazione della ricevuta di pagamento integrale o rateale degli oneri dovuti. In ogni caso i termini temporali di validità del titolo decorrono dalla data di rilascio del provvedimento.”.

Art. 2 Incentivazione degli interventi di riuso del patrimonio edilizio dismesso e per l’efficientamento energetico

1. Dopo l’articolo 3 della legge regionale n. 23 del 1985 è aggiunto il seguente: 3 bis (Incentivazione degli interventi di riuso del patrimonio edilizio dismesso e per l’efficientamento energetico)

1. Al fine di combattere il fenomeno dello spopolamento dei centri storici e dei centri di antica e prima formazione, i comuni possono prevedere la riduzione del contributo di costruzione nella misura massima del 60 per cento del contributo complessivo dovuto per le nuove costruzioni.

2. Al fine di incentivare gli interventi edilizi finalizzati al riuso, anche con mutamento di destinazione d’uso, del patrimonio edilizio esistente e dismesso, i comuni possono prevedere la riduzione del contributo di costruzione nella misura massima del 30 per cento del contributo complessivo dovuto per le nuove costruzioni. Se l’intervento include nuove costruzioni o ampliamenti, ai relativi volumi non si applica la riduzione di cui al presente comma.

3. Al fine di favorire gli interventi di edilizia bioclimatica o finalizzati al risparmio energetico, i comuni possono prevedere la riduzione del contributo di costruzione nella misura massima del 15 per cento.”.

Legge Regionale 11 del 03/07/2017 Legge Regionale 11 del 03/07/2017

 
19
Lug

Pericolo, Rischio, Asseverazione, Clima

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Qualità, Ambiente Sicurezza
News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Pericolo, Rischio, Asseverazione, Clima Newsletter 34 del 19 luglio 2017
In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.

Clicca qui per recupero facile delle credenziali

linkedin
E-learning_5.png Gruppo linkedin del Portale Consulenti  Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
Portale Consulenti L'asseverazione di conformità dei rapporti di lavoro  certificare la regolarità delle imprese relativamente al rispetto della normativa di legge in materi ...
Portale Consulenti Botulismo e sicurezza alimentare  Indirizzi operativi A cura di Ministero della salute
Portale Consulenti Concetti di Pericolo, Danno, Rischio, Prevenzione e Protezione  Seminario La sicurezza ed il fattore umano: percezione e propensione
Portale Consulenti La sicurezza ed il fattore umano: percezione e propensione  L’analisi dei rischi, affidabilità, valutazione e rappresentazione
Portale Consulenti Gli indicatori del clima in Italia nel 2016  Andamento del clima nel corso del 2016
Portale Consulenti Bando, progetto formativo, manuali, i danni da calore  News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE
 
13
Lug

Bando, progetto formativo, manuali, i danni da calore

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Qualità, Ambiente Sicurezza
News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Bando, progetto formativo, manuali, i danni da calore Newsletter 33 del 13 luglio 2017
In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.

Clicca qui per recupero facile delle credenziali

linkedin

sicurezza ambiente qualità E-learning,HSE Gruppo linkedin del Portale Consulenti Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
Portale Consulenti Commercio e utilizzo fitosanitari, i dati del controllo ufficiale 2016 il report predisposto dal Ministero della salute sul controllo dei prodotti fitosanitari
Portale Consulenti Bando Avviso 01/17 - Singoli Studi/Aziende L’Avviso consente di finanziare piani formativi destinati ai dipendenti di singoli Studi/Aziende
Portale Consulenti Stampa 3D e monitoraggio lavoratori monitoraggio, prassi lavorative e nuovi rischi, studi Eu-Osha
Portale Consulenti ANDAMENTO DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO DATI INFORTUNISTICI: AGGIORNAMENTI E DIFFUSIONE GIUGNO 2017
progetto formativo Test per un progetto formativo E-learning e formazione, tutorial e informazioni
Portale Consulenti FMEA Applicazione F.M.E.A. - Valutazione dei Rischi D.Lgs. 81/2008
Portale Consulenti Attenzione al gran caldo Semplici azioni per evitare i danni da calore sul lavoro.
Portale Consulenti SICURO GAS per un utilizzo sicuro del gas domestico Vigili del Fuoco, CIG e Assogasliquidi
sicurezza ambiente qualità E-learning,HSE Defibrillatori, Campi Elettromagnetici, bandi News sicurezza ambiente qualità E-learning,HSE
 
13
Lug

Commercio e utilizzo fitosanitari, i dati del controllo ufficiale 2016

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

il report predisposto dal Ministero della salute sul controllo dei prodotti fitosanitari

Commercio e utilizzo fitosanitari, i dati del controllo ufficiale 2016

Commercio e utilizzo fitosanitariSono stati pubblicati dal Ministero della Salute i dati 2016 del Controllo ufficiale dell’immissione in commercio e dell’utilizzazione dei prodotti fitosanitari. Dati derivanti dalla vigilanza condotta nell’anno trascorso da Regioni e Province, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Ispettorato centrale per la tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari e dall’Agenzia delle dogane.

Il numero totale di controlli effettuati è pari a 15804:

  • 14053 effettuati dalle Aziende sanitarie locali delle Regioni/Province Autonome,
  • 712 effettuati dal Comando
  • 1039 effettuati dall’Ispettorato.

Sono inoltre stati effettuati 1766 controlli sui fitosanitari dall’ Agenzie delle dogane all’importazione. Sono state rilevate in totale 632 infrazioni che rappresentano il 3,9 % dei controlli effettuati. I controlli hanno riguardato le ispezioni delle rivendite di fitosanitari, le ispezioni delle aziende agricole che utilizzano fitosanitari, le verifiche delle etichette, delle confezioni e delle schede di sicurezza, i controlli dei formulati, i controlli presso le aree extragricole, presso i contoterzisti e presso i titolari di autorizzazione, all’importazione, presso gli importatori paralleli, presso le officine di produzione. Con il passare degli anni le infrazioni presso le rivendite hanno avuto quasi tutte andamento decrescente e quindi chi vende i prodotti fitosanitari li conosce e sa dare informazioni appropriate, tuttavia spesso gli utilizzatori non utilizzano dispositivi di protezione individuale, non utilizzano bene i prodotti fitosanitari e non registrano il loro utilizzo, sono ancora diffuse le informazioni relative alle etichette.

E-learningCommercio e utilizzo fitosanitari, i dati del controllo ufficiale 2016

 
12
Lug

ANDAMENTO DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO


DATI INFORTUNISTICI: AGGIORNAMENTI E DIFFUSIONE GIUGNO 2017

ANDAMENTO DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO

E-learning formazioneIn occasione della presentazione della Relazione Annuale 2016, sono stati pubblicati i dati infortunistici e tecnopatici con riferimento all’intero anno appena trascorso.
Si tratta del primo dei due aggiornamenti semestrali (dati rilevati al 30.04.2017) diffusi nel corso del 2017. Il secondo aggiornamento, con i dati rilevati al 31.10.2017, rappresenta un consolidamento del precedente (soprattutto per gli eventi accertati positivamente) e sarà divulgato a fine anno.
Ogni mese, nella sezione Open data (Tabelle con cadenza mensile), vengono, altresì, pubblicati i dati mensili degli eventi denunciati dell’anno in corso messi a confronto con quelli dell’anno precedente. La loro confrontabilità è garantita dall’omogeneità di rilevazione dei dati, da intendersi comunque provvisori.
Per assicurare una corretta interpretazione del fenomeno infortunistico, Inail ha introdotto di recente due strumenti con finalità divulgativa: un comunicato stampa, già dal mese di marzo di quest’anno, con cadenza mensile contenente un’analisi sintetica del numero di denunce rilevate alla fine di ciascun mese; un bollettino con cadenza trimestrale, da questo mese di luglio, contenente viste significative sugli eventi infortunistici, corredato anche da un glossario e nota metodologica.

Alla data di rilevazione del 30.04.2017 risultano pervenute all'Inail, per l’anno di accadimento 2016, 641.345 denunce d’infortunio, con un incremento dello 0,7% rispetto al 2015 (4.201 casi in più). La quota più consistente delle denunce, 500.621 casi, (78,1% del totale) si registra nella gestione Industria e servizi, presentando un incremento dell’1,4% rispetto l’anno precedente. A seguire la gestione per conto dello Stato che con 104.541 casi (16,3% del totale) ha segnato un decremento dello 0,8% rispetto lo scorso anno. Infine, la gestione Agricoltura (36.183 casi, pari al 5,6% del totale) fa registrare un calo del 4,9%. In ottica di genere, più di un infortunio su tre ha interessato la componente femminile dei lavoratori (un incremento dell’1,4%); quasi i due terzi degli infortuni hanno riguardato gli uomini con un +0,3% rispetto al 2015. Gli infortuni riconosciuti sul lavoro nel 2016 sono stati 419.390 (il 65,4% delle denunce), di cui il 18,6% “fuori dall’azienda”, cioè la somma di quelli “in itinere” pari al 14,4% e quelli “in occasione di lavoro con mezzo di trasporto”, 4,2%. Oltre 15mila i casi ancora “in istruttoria”. Le denunce d’infortunio con esito mortale sono state 1.104, con un calo del 14,2% rispetto l’anno precedente (-182 casi), decremento che per i casi accertati positivamente al 30.04.2017 si attesta al -17,3% (da 747 a 618 decessi).
L’analisi di medio periodo evidenzia come nel quinquennio 2012- 2016 le denunce d’infortunio siano scese del 14%, sintesi di un calo nell’Industria e servizi del 14,4%, nell’Agricoltura del 15,7%, e nel conto Stato dell’11%. Anche le denunce d’infortunio con esito mortale sono diminuite, -19,1% nel quinquennio; 235 casi in menonell’Industria e servizi, 40 in meno in Agricoltura e 15 casi in più nel conto Stato, per un decremento complessivo di 260 denunce.

E-learning_7.pngDATI INFORTUNISTICI: AGGIORNAMENTI E DIFFUSIONE GIUGNO 2017