1 Ambiente Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Ambiente’ Category

15
Mag

E’ obbligatoria la sorveglianza sanitaria sui Lavoratori qualora sia accertata l’esistenza di rischi?

 
Attualmente il nostro sistema normativo non prevede l’assoggettamento alla stessa in relazione all’esposizione a rischi da stress lavoro-correlato.
Solo qualora il Lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta, dal Medico Competente, correlata ai rischi lavorativi sarà possibile attuarla nel rispetto dei vincoli posti dallo Statuto dei Lavoratori.
Per un preventivo per la consulenza in materia di valutazione dei rischi da Stress Lavoro Correlato e per ulteriori informazioni, chiamateci al numero verde raggiungibile anche da telefoni fissi e smartphone 800300333.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
14
Mag

Il progetto di paesaggio come risposta alle sfide climatiche

14/05/2019 - La trasformazione dei paesaggi mediterranei e la loro fragilità a causa dei cambiamenti climatici e dei processi di abbandono; i paesaggi che esprimono molto bene l’attuale situazione di incertezza sociale ed economica Sono stati i temi del convegno nazionale “Mediterranea - Paesaggi Prossimi” che si è svolto lo scorso 10 Maggio a Matera, promosso dall’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (AIAPP), una articolata giornata di studio con lectio magistralis e panoramiche progettuali su quattro macro-temi: Campagna felix, Intelligent water management, paesaggi ludici e il progetto di mobilità dolce. Il paesaggio agrario italiano è ancora una ‘campagna felix’? L’esigenza di abbandonare il modello di agricoltura industrializzata ormai non più sostenibile, in quanto causa di una continua perdita e diminuzione della risorsa terra, e al contempo l’importanza di recuperare.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231  
13
Mag

Dimore storiche, i castelli e le residenze d’epoca testimoni del passato

13/05/2019 – Antiche e maestose, sono state testimoni di momenti salienti del passato. Sono le dimore storiche, che domenica 19 maggio saranno aperte e visitabili per la giornata nazionale delle dimore storiche organizzata dall’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI). Vediamone alcune Palazzo Amarelli, Rossano - Cosenza Appartiene da sempre alla famiglia Amarelli, che tra i suoi avi annovera Alessandro, crociato nel 1101. La villa è contornata dagli alloggi dei coloni e da magazzini e officine per la trasformazione dei prodotti agricoli. Oggi ospita il Museo della Liquirizia. Foto: Associazione Dimore Storiche Italiane Villa dei Clarinci Dornpacher, Cividale del Friuli - Udine Costruita intorno alla metà del XVII secolo, conserva una biblioteca di più di 5mila volumi e un vigneto dal quale si produce il vino de Clarinci. Dal 1971 è la sede della Fondazione de Clarinci Dornpacher, che.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
9
Mag

Antisismica, dall’Agenzia del Demanio bando da 7 milioni di euro per 62 immobili

09/05/2019 – Un bando da più di 7 milioni di euro per l’antisismica. L’attività rientra nel Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato. Piano di riduzione del rischio sismico, il bando Il bando, pubblicato dall’Agenzia del Demanio, riguarda 62 immobili distribuiti in 11 province di Toscana, Umbria, Piemonte e Valle d’Aosta. Il bando è articolato in 6 lotti, 3 dei quali per i territori di Toscana e Umbria e 3 per Piemonte e Valle d’Aosta. Oggetto della gara è l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici, rilievi tecnici e progetti di fattibilità tecnico-economica (PFTE) degli immobili, per un importo complessivo a base d’asta pari a 7.152.081,77 euro. I documenti di gara dovranno essere inviati esclusivamente in via telematica entro le ore 12 del 24 giugno 2019. Piano di riduzione.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
7
Mag

Kyoto Club, Legambiente e WWF bocciano il decreto Sblocca Cantieri

07/05/2019 - Il decreto Sblocca Cantieri manca il suo obiettivo e rischia di produrre come unico risultato il rendere meno trasparente il settore dei lavori pubblici nell’assegnazione dei lavori e dei subappalti, nella definizione e autorizzazione dei progetti, nella vigilanza sulle infiltrazioni della criminalità organizzata, con il rischio di pesanti ricadute sui costi economici e ambientali a carico della comunità. Lo sostengono le associazioni ambientaliste Kyoto Club, Legambiente e WWF che venerdì scorso hanno inviato le loro osservazioni e proposte di emendamento ai membri delle Commissioni Ambiente e Lavori Pubblici del Senato che entro oggi 7 maggio, con fretta singolare, dovranno votare il provvedimento. Le critiche delle tre associazioni si concentrano sulle modifiche introdotte dall’articolo 1 del DL 32/2019 a numerose disposizioni del Codice degli Appalti e su quanto stabilito nell’art. 4 e nell’art. 5 dello stesso.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
16
Apr

Proteggi Italia, in Gazzetta il piano contro il rischio idrogeologico

16/04/2019 – Via al Piano Proteggi Italia per la prevenzione del rischio idrogeologico. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il dpcm 20 febbraio 2019 con l’insieme delle misure per la tutela della risorsa ambientale. Proteggi Italia, il piano per la tutela dell’ambiente Il piano è articolato in misure di emergenza, prevenzione, manutenzione e ripristino, semplificazione e rafforzamento della governance e organizzative. Per il 2019 sono disponibili 3 miliardi di euro da destinare agli interventi immediatamente cantierabili. Il piano prevede inoltre una serie di misure di emergenza e prevenzione, tra cui il Piano emergenza dissesto, che comprende interventi per la messa in sicurezza del territorio e delle infrastrutture, interventi per la mitigazione del rischio idraulico ed idrogeologico, con il ripristino delle strutture danneggiate. Saranno inoltre avviati programmi per la manutenzione del territorio, piani per la gestione.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
8
Apr

Terremoti, Geologi: ‘in Italia manca la cultura della prevenzione’

08/04/2019 – “Ancora oggi in Italia manca una pianificazione, un progetto complessivo fatto di interventi strutturali per mettere in sicurezza il costruito, definendone le priorità e le azioni sinergiche per disseminare conoscenza e consapevolezza tra i cittadini, che ancora non percepiscono il rischio sismico in tutta la sua serietà, per favorirne best practices e perseguire davvero l’auspicata ‘prevenzione civile’ che continua ad essere solo un auspicio”. Queste le parole di Francesco Peduto, Presidente del Consiglio Nazionale Geologi, nel corso della conferenza stampa “L’Aquila dieci anni dopo: criticità e prospettive” svolta lo scorso 4 aprile presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica in vista del convegno del convegno “L’Aquila 2009-2019 - Dieci anni di esperienze, studi e criticità” che avrà luogo il 12 aprile 2019 presso l’Auditorium dell’Università.. Continua a leggere su Edilportale.com      
5
Apr

Cantiere Ambiente, via alle misure contro il dissesto idrogeologico

05/04/2019 – In arrivo 12 milioni di euro per la progettazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, ma anche un apparato che, tra membri interni alla Amministrazioni locali e segreterie ministeriali, dovrà coordinare la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza. Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla bozza di disegno di legge “Cantiere Ambiente” contenente le misure per il potenziamento e la velocizzazione degli interventi. Cantiere Ambiente, gli interventi contro il rischio idrogeologico I Presidenti delle Regioni, nella veste di commissari contro il dissesto idrogeologico, dovranno predisporre un Programma d’azione triennale indicante gli interventi da effettuare e i territori coinvolti, completo di cronoprogramma dei lavori e stime dei costi. I programmi saranno trasmessi al Ministero dell’Ambiente, che entro 60 giorni individuerà gli interventi da finanziare secondo le.. Continua a leggere su Edilportale.com
5
Apr

Cantiere Ambiente, via alle misure contro il dissesto idrogeologico

05/04/2019 – In arrivo 12 milioni di euro per la progettazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, ma anche un apparato che, tra membri interni alla Amministrazioni locali e segreterie ministeriali, dovrà coordinare la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza. Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla bozza di disegno di legge “Cantiere Ambiente” contenente le misure per il potenziamento e la velocizzazione degli interventi. Cantiere Ambiente, gli interventi contro il rischio idrogeologico I Presidenti delle Regioni, nella veste di commissari contro il dissesto idrogeologico, dovranno predisporre un Programma d’azione triennale indicante gli interventi da effettuare e i territori coinvolti, completo di cronoprogramma dei lavori e stime dei costi. I programmi saranno trasmessi al Ministero dell’Ambiente, che entro 60 giorni individuerà gli interventi da finanziare secondo le.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231ambiente
2
Apr

Progettazione opere prioritarie, le risorse scendono da 110 a 80 milioni

02/04/2019 – Scendono a 80 milioni di euro le risorse per la progettazione delle opere prioritarie, rimodulate e ripartite dal decreto relativo al Fondo per la progettazione delle opere prioritarie approvato dalla Conferenza Unificata dello scorso 28 marzo. Il Fondo, che originariamente prevedeva uno stanziamento di risorse pari a 110 milioni di euro, è stato ridotto di 30 milioni di euro dalla Legge di Bilancio 2019. A seguito di questa riduzione, sono state rimodulate le risorse stanziate ad ogni ente beneficiario. Gli Enti useranno queste risorse per la redazione dei progetti di fattibilità delle infrastrutture e degli insediamenti prioritari per lo sviluppo del Paese e la project review delle infrastrutture già finanziate. Fondo progettazione opere prioritarie, i beneficiari Le risorse sono state ripartite e rimodulate proporzionalmente tra: - 15 Autorità Portuali per un totale di 21.343.000 euro; - 14 Città Metropolitane.. Continua a leggere su Edilportale.com