1 Ambiente Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Ambiente’ Category

21
Feb

Beni culturali, dal Mibact quasi 600 milioni di euro per un piano antisismico

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23121/02/2018 – In arrivo quasi 600 milioni di euro di investimenti per l’adeguamento antisismico e la riqualificazione del patrimonio culturale italiano. Il comitato tecnico scientifico del Ministero dei Beni Culturali (Mibact), infatti, ha approvato il DM 19 febbraio 2018 che prevede un piano di investimenti da 597.058.875 milioni di euro. Vedi tutti gli interventi Beni culturali: il Piano antisismico del Mibact Il piano, che attinge al Fondo Investimenti per lo sviluppo infrastrutturale del Paese istituito dalla Legge di Bilancio 2017, risponde a una visione organica che considera strategico il ruolo del patrimonio culturale nelle politiche di tutela, sviluppo e promozione dei territori. I fondi stanziati sono immediatamente disponibili per realizzare in tutta Italia interventi di adeguamento antisismico ricompresi in un piano antisismico per l’adeguamento del patrimonio museale statale e il restauro dei beni culturali. Risorse.. Continua a leggere su Edilportale.com
16
Feb

Le sfide e le idee green di Legambiente per la nuova legislatura

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23116/02/2018 - Politiche climatiche, piano 5.0 per l’economia circolare, fiscalità green, rigenerazione urbana con una road map 2030 per la mobilità sostenibile, cooperazione internazionale. Sono i punti cardine del pacchetto di sfide e idee green per la prossima legislatura, presentato da Legambiente ai candidati politici di tutti gli schieramenti durante una manifestazione a Roma. Alla tavola rotonda introdotta da Edoardo Zanchini, Vicepresidente nazionale di Legambiente e da Lonardo Becchetti, dell’Università di Tor Vergata, e moderata da Stefano Ciafani, Direttore generale di Legambiente, hanno partecipato il ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, Rossella Muroni, coordinatrice della campagna elettorale di Liberi e Uguali, Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola, Arturo Diaconale di Forza Italia, Lucio Cavazzoni (LeU), Enrico Borghi (PD), Stefano Vignalori M5s, Luana Zanella dei Verdi, Enzo di Salvatore (Potere al Popolo), Cristina.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Feb

A Mestre, Marghera, Treviso, Padova a disposizione corsi di formazione per nuovi lavoratori modulo generale e a rischio basso, medio e alto. Raccomandati dagli stessi allievi

 
I corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sono da far fare obbligatoriamente a tutti i lavoratori.
I corsi sono indispensabili per prevenire gli infortuni e per far comprendere al lavoratore quale è il rischio a cui si è sottoposto esercitando il proprio mestiere in azienda.
I corsi SSLL non devono essere fatti frequentare a lavoratori, preposti, dirigenti, RSPP Datore di Lavoro, addetti al primo soccorso e antincendio solo per assolvere un obbligo di Legge.
L'addestramento obbligatorio di tutti i  lavoratori è a carcico del "datore di lavoro" è esplicitato  nel comma 1 dell’art. 37 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro viene espressamente indicato.
Nel comma 4 dello stesso articolo si precisa il "quando" la suddetta formazione deve essere impartita ai lavoratori:
“art 4. La formazione e, ove previsto, l'addestramento specifico devono avvenire in occasione: a) della costituzione del rapporto di lavoro o dell'inizio dell'utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro; b) del trasferimento o cambiamento di mansioni; c) della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi”.
La formazione dei lavoratori di nuova assunzione deve avvenire anteriormente all'avvio dell'attività lavorative.
Se ciò non risultasse possibile contestualmente all'assunzione, la formazione stessa deve essere completata prima che il lavoratore sia adibito alla sua attività.
I 60 giorni indicati nell’Accordo non costituiscono un periodo entro il quale il datore di lavoro ha l’obbligo di avviare la formazione il periodo entro il quale lo stesso la deve comunque completarla.
Per le piccole e medie imprese con sedi vicino Mestre, Marcon, Marghera, Mirano, Chioggia, Jesolo, San Donà di Piave, Treviso, Padova e Vicenza, MODI SRL organizza seminari gratuiti in materia di sicurezza e a 360 gradi offriamo corsi (aula, online o presso la sede del Cliente) per nuovi dipendenti, addetti al primo soccorso, antincendio, uso attrezzature.
A Mestre, Marghera, Treviso, Padova a disposizione corsi di formazione per nuovi lavoratori modulo generale e a rischio basso, medio e alto. Raccomandati dagli stessi allievi (vedi dicono di noi).
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
12
Feb

Comprare casa, e se fosse un castello?

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/02/2018 – Castelli e dimore nobiliari sono in vendita. Nei secoli passati sono state teatro di eventi storici e sono ancora adesso esempi di arte e architettura. Sono molto probabilmente destinate a diventare alberghi di lusso o location per eventi esclusivi, ma in molti sognano probabilmente di poterci vivere. Vediamone alcune. Castello Guglielmi sul Lago Trasimeno Si trova sull’Isola Maggiore del Lago Trasimeno, è stato costruito nel XIX secolo, riqualificando un ex convento francescano, ed è in vendita a 4,5 milioni di euro. Foto: Wikipedia - Adrian Michael Antico castello sul Lago di Iseo Il castello si trova in provincia di Brescia, in una posizione panoramica sul Lago di Iseo. È stato realizzato nel Quattrocento e vi ha soggiornato la regina di Cipro: Caterina Cornaro. Adesso è in vendita per 2,5 milioni di euro. Foto: Lionard Castello nel Chianti Sorge a breve distanza da Firenze questo.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Feb

Inquinamento acustico, definiti i corsi per gli addetti ai controlli

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/02/2018 - Definiti i contenuti dei corsi di formazione per il personale incaricato dei controlli sull’inquinamento acustico prodotto dalle macchine destinate a funzionare all’aperto. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 25 gennaio 2018 del Ministero dell’Ambiente. Il decreto pubblicato attua quanto previsto dal D.lgs. 262/2002, norma che ha recepito la Direttiva 2000/14/CE, e si rivolge al personale degli organismi di certificazione accreditati presso il Ministero dell’Ambiente. Controlli sull’inquinamento acustico Il decreto legislativo del 2002 prevede che il personale incaricato dei controlli sia in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti: - qualifica di tecnico competente in acustica ambientale; - aver frequentato con profitto un corso di formazione in materia di acustica ambientale che attribuisce almeno tre crediti formativi. Con il Decreto legislativo 42/2017 è stato soddisfatto.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Feb

Ferrovie turistiche, cresce l’appeal della mobilità dolce

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/02/2018 - Nel biennio 2016/2017 sono stati 130.000 i turisti che hanno provato l’esperienza di viaggio lenta sui  treni d’epoca di Fondazione FS Italiane, attraverso i luoghi più suggestivi d’Italia, ricchi di storia e cultura. Rispetto al biennio 2014/2015, la crescita è stata del 45%, a conferma del successo della mobilità dolce. I dati sono stati illustrati giovedì scorso a Roma dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, e dal Presidente Fondazione FS Italiane, Mauro Moretti. Nel corso dell’evento è stato ricordato che molte regioni italiane - Abruzzo, Campania, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Molise, Piemonte, Toscana e Sicilia - hanno inserito itinerari con treni d’epoca nei progetti finanziati per sostenere e valorizzare questa nuova offerta turistica. Itinerari che attraggono, in particolare, stranieri e amanti della natura, appassionati.. Continua a leggere su Edilportale.com
9
Feb

Veneto, i turisti potranno dormire in case sugli alberi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23109/02/2018 - Chi non ha mai sognato di dormire in una casa sull’albero? Questa singolare e affascinante sistemazione in Veneto è diventata una vera e propria tipologia di struttura ricettiva turistica riconosciuta dalla Regione. La Giunta ha, infatti, approvato una delibera che stabilisce i requisiti di classificazione, le modalità di apertura e di esercizio, gli spazi e i servizi minimi di interesse turistico necessari, le prescrizioni igienico-sanitarie, di sicurezza, edilizie, urbanistiche e paesaggistiche necessarie per la realizzazione e la gestione delle nuove strutture ricettive denominate ‘case sugli alberi’. “La nostra è la regione turistica più importante d’Italia - sottolinea il governatore veneto Luca Zaia - perché lo dicono i 70 milioni di presenze e i 17 miliardi di euro di fatturato, ma anche perché lo dimostra la capacità di interpretare la continua evoluzione della domanda.. Continua a leggere su Edilportale.com
8
Feb

Consumo di suolo, una proposta di legge per fermarlo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23108/02/2018 - Dieci articoli per una legge contro il consumo di suolo, per fermare “la modifica o la perdita della superficie agricola, naturale, seminaturale o libera, a seguito di interventi di copertura artificiale del suolo, di trasformazione mediante la realizzazione - entro e fuori terra - di costruzioni, infrastrutture e servizi o provocata da azioni, quali asportazione ed impermeabilizzazione”. Dieci articoli per una legge attesa da decenni o, almeno, dal 2009, quando un’ampia aggregazione nazionale di associazioni, comitati e singoli cittadini rese evidente l’insostenibile peso della speculazione edilizia. Dieci articoli per una legge dal basso, dopo che lo scioglimento delle Camere ha sancito la fine ingloriosa del testo arenatosi al Senato, che ha vanificato lo sforzo avviato all’inizio della legislatura e l’impegno di tanti che avevano prestato il proprio servizio al Paese, producendo osservazioni, partecipando ad audizioni. Così.. Continua a leggere su Edilportale.com
8
Feb

Campania, dalla Giunta le linee guida per i problemi dell’abusivismo edilizio

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23108/02/2018 - La Giunta Regionale campana ha approvato le ‘Linee guida relative ai problemi dell’abusivismo edilizio’, riferite alla LR 19/2017 ‘Misure di semplificazione e linee guida di supporto ai Comuni in materia di governo del territorio’. Le nuove linee guida si rivolgono ai Comuni della Campania che, senza alcun vincolo e nel rispetto della disciplina statale e regionale vigente, possono adottare misure alternative alla demolizione nei casi indicati dalla stessa legge. Ricordiamo infatti che la LR 19/2017 prevede che i Comuni, in alternativa alla demolizione, possano acquisire gli immobili abusivi che non siano in contrasto con gli interessi urbanistici, ambientali o di rispetto dell’assetto idrogeologico, per poi locarli o venderli, riservando una preferenza agli ‘occupanti per necessità’. Le linee guida indicano ai Comuni: - i criteri di valutazione del prevalente interesse.. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Feb

Regione Puglia, al lavoro il ‘tavolo della bellezza’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23106/02/2018 - Proseguono presso la Regione Puglia le riunioni del ‘tavolo della bellezza’, il comitato scientifico composto da accademici, giuristi, esponenti degli ordini professionali, dirigenti e tecnici regionali che hanno  accolto l’invito dell’assessore all’Urbanistica Alfonso Pisicchio a partecipare all’elaborazione di un disegno di legge regionale sulla bellezza. Il disegno di legge regionale per la bellezza Il disegno di legge propone un nuovo approccio per la rigenerazione: mettere al centro la dignità dei cittadini e le loro istanze, e recuperare i ‘non luoghi’ in tutta la Regione. La legge si fonderà sulla semplificazione: sull’inserimento di valori condivisi dal comitato, che dovranno essere codificati in princìpi e tradotti in norme, e sugli elementi della partecipazione e copianificazione. “Con la legge che stiamo immaginando, non parliamo di volumetrie o di superfici,.. Continua a leggere su Edilportale.com