1 rischio Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘rischio’ Category

14
Gen

I Corso sicurezza nei luoghi di lavoro per lavoratori, addetti antincendio, incaricati al primo soccorso che partono in gennaio 2018 sono super scontati!

Corsi per lavoratori neo assunti? Se acquisti un corsi di  formazione specifica,  corso Generale o ad altre proposte formative resterai sicuramente soddisfatto! Non lo affermiamo noi ma gli stessi partecipanti! Non regaliamo nulla! I nostri prezzi sono estremamente competitivi! La quota prevede la colazione di lavoro inclusa e il coffee break.
Un esempio? I Corsi per la formazione dei nuovi incaricati alla lotta antincendio da seguire in aula a Mestre per aziende a rischio basso e rischio medio che partono in gennaio 2018 sono super scontati! Gli ultimi posti li trovi a meno di 50 euro! Chiama la segreteria organizzativa dell'aula corsi di Mestre al numero 041616289 e troverai l'assistenza necessaria.
 
La Società MODI S.r.l. di Mestre, Marghera, Spinea, Venezia segue Clientela per il controllo delle scadenze per gli aggiornamenti periodici delle valutazione specifiche come ad esempio stress, radiazioni ottiche artificiali, rumore, vibrazioni ecc. Le nostre proposte di consulenza sono flessibili e i prezzi competitivi. Non lo diciamo noi! Siamo referenziati dagli stessi clienti LEGGI DICONO DI NOI NELLA PAGINA RECENSIONI.
Gestire le qualifiche dei corsi sicurezza nei luoghi di lavoro ti risulta complicato? MODI offre Assistenza continua per il controllo delle scadenze della formazione e per gli aggiornamenti periodici, proposte flessibili e prezzi competitivi.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
14
Gen

Se ti iscrivi alla Formazione Specifica, al corso Generale o ad altre proposte formative resterai sicuramente soddisfatto! Non lo affermiamo noi ma gli stessi partecipanti! Non regaliamo nulla! Prezzi competitivi!

Se ti iscrivi alla Formazione Specifica, al corso Generale o ad altre proposte formative resterai sicuramente soddisfatto! Non lo affermiamo noi ma gli stessi partecipanti! Non regaliamo nulla! Prezzi competitivi!
Un esempio? I Corsi per la formazione dei nuovi incaricati alla lotta antincendio da seguire in aula a Mestre per aziende a rischio basso e rischio medio che partono in gennaio 2018 sono super scontati!
 
Qui di seguito le date e gli orari:
FORMAZIONE NUOVI ADDETTI ALLA LOTTA ANTICENDIO durata 4 ore (per aziende rischio basso)
Svolto in aula nelle città di Mestre, Marghera, Marcon, Spinea, Venezia nei giorni sotto indicati:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Edizione con avvio gennaio 2018 il 23 gennaio 2018 orario 14.00/18.00; ulteriore sconto del 20% - offerta ultimi posti!
15 febbraio 2018 orario 14.00/18.00;
07 marzo 2018 orario 09.00/13.00.
ADDESTRAMENTO NUOVI ADDETTI ANTINCENDIO durata 8 ore (rivolto alle aziende a medio rischio):
Allievi attesi in aula nelle città di Mestre, Marghera, Marcon, Spinea, Venezia nei giorni sotto indicati:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
23 gennaio 2018 orario 14.00/18.00 e 25 gennaio 2018 orario 08.30/13.30; ulteriore sconto del 20% - offerta ultimi posti!
15 febbraio 2018 orario 14.00/18.00 e 19 febbraio 2018 orario 08.30/13.30;
07 marzo 2018 orario 09.00/13.00 e 13 marzo 2018 orario 08.30/13.30.
I corsi possono essere organizzati presso la sede del Cliente in Veneto o nel Nord Est e in aula nelle città di Mestre, Spinea, Venezia, Treviso, Padova, Verona ecc.
I Corsi oltre alla teoria prevedono una sezione pratica con il docente del corso. L'attestato ha validità nazionale. La sua validità è di durata triennale. Il corso è rivolto alle Aziende e  ai privati.  Siamo partner Ente Accreditato.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it  
15
Dic

Il documento di valutazione dei rischi (DVR) rappresenta la mappatura dei rischi presenti in un’azienda.

Il documento di valutazione dei rischi (DVR) rappresenta la mappatura dei rischi presenti in un'azienda. La valutazione dei rischi da parte del datore di lavoro e la predisposizione dei conseguenti documenti è uno degli elementi di più grande rilevanza del D.Lgs 81/08. Il documento di valutazione dei rischi (DVR) rappresenta la mappatura dei rischi presenti in un'azienda. La figura incaricata di garantire la sicurezza sul lavoro e sulla quale ricade appunto l’obbligo del mantenimento dei livelli della stessa è il datore di lavoro. Il datore di lavoro ha l’obbligo di salvaguardare l’integrità psicofisica dei lavoratori eliminando o cercando di ridurre al massimo i rischi che possono procurare dei danni a questi soggetti. Nel documento di valutazione dei rischi (DVR) venfono indacate tutte le procedure necessarie per l'attuazione di misure di prevenzione e protezione da realizzare e i ruoli di chi deve realizzarle. Il documento di valutazione dei rischi (DVR) è uno dei documenti portanti del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro D.Lgs 81/2008, e viene trattato agli articoli 17 e 28. Deve contenere tutte le procedure necessarie per l'attuazione di misure di prevenzione e protezione da realizzare e i ruoli di chi deve realizzarle. Il DVR rappresenta un requisito cartaceo o elettronico e un ulteriore compito assegnato direttamente al datore di lavoro, in quanto da egli non delegabile. Deve inoltre essere redatto con data certa.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
 
9
Dic

Il testo unico sulla sicurezza D. Lgs. 81/08 obbliga il datore di lavoro ad affidare i compiti ai lavoratori, tenendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza.

Il testo unico sulla sicurezza D. Lgs. 81/08 obbliga il datore di lavoro ad affidare i compiti ai lavoratori, tenendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza. Per chi affida lavori, servizi e forniture ad una impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda, il datore di lavoro deve fare una verifica dell’idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori, servizi e forniture. MODI SRL affianca i Dotori di Lavoro delle PMI del Veneto e del Nord Est affinchè assolvano anche tutti gli altri obblighi prevista dalla legge in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I consulenti della Società di Consulenza e Formazione MODI di Mestre, Marghera e Spinea Venezia assumono l'incarico di RSPP in esterno in tutte le aziende del Veneto e del Nord Est ed eseguono le valutazioni specifiche per la misurzione del richio da #stress, rumore, vibrazioni, ROA, chimico, microclima ecc. Elabora DVR, Duvri e POS. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
7
Dic

Formazione e Consulenza in materia di salute e sicurezza alle aziende a Venezia, Mestre, Marghera, Mirano, Padova, Treviso

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
La Società di Consuelenza e Formazione MODI SRL vanta una ventennale esperienza nella progettazione e nell’erogazione di servizi alle PMI del Veneto e del Nord Est.
MODI opera nel settore della Salute e Sicurezza negli ambienti di Lavoro con assunzione di incarico di RSPP in esterno.
Segue l'implementazione dei sistemi di gestione Qualità ISO 9001, Ambiente ISO 14001, Sicurezza con particolare attenzione agli adeguamenti normativi.
MODI segue gli aspetti della PRIVACY GDPR Regolamento DGRP 2016/679 e ha più consulenti formati come DPO dall'ente CSQA.
Per quando concerne la Sicurezza ed Igiene in Ambiente di lavoro e le relative valutazioni  del rischio previste dal D.lgs 81/08, MODI redige i DVR e varie "valutazioni del rischio".
Lo Staff MODI fornisce l'assistenza necessaria per la stesura del Piano Operativo di sicurezza (POS), piano di emergenza, piano uso montaggio ponteggi (PIMUS) e  valutazioni stress,  rischio rumore, rischio incendio, rischio chimico, rischio vibrazioni, rischio atmosfere esplosive (ATEX), movimentazione manuale carichi, rischi gestanti e minori ecc.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
6
Dic

A Mestre avvio corso per Rappresentanti Lavoratori Sicurezza durata 32 ore e aggiornamenti annuali di 4 o 8 ore – tutor online e in Videoconferenza

In promozione per il periodo natalizio abbiamo messo i corsi organizzati in aula a Mestre nei mesi di dicembre 2017 e gennaio 2018.
Tra i più richiesti il corso per Rappresentanti Lavoratori Sicurezza In Aula durata 32 ore e aggiornamenti annuali di 4 o 8 ore.
Per iscrizioni online è possibile contattare un tutor online e in Videoconferenza skipe. A disposizione il numero verde 800300333 per 60 ore alla settimana.
I commenti espressi dai nostri allievi sono pubblicate in retenei nostri sisti e sono utili per chi si avvicina per la prima volta alla nostra Organizzazione per raccogliere elementi interessati per una valutazione sul nostro operato.
Lavoriamo con il Cliente e per il Cliente dal 1998. Sono centinaia le aziende che hanno raggiunto la certificazione del sistema di gestione Qualità ISO 9001, Ambiente ISO 14001 e Sicurezza Ohsas 18001 grazie al nostro operato.
Lo staff tecnico MODI assume l'incarico di RSPP in esterno e negli Organismi di Vigilanza.
I DPO esperti di privacy sono a disposizione per adeguare le Aziende al nuovo Regolamento UE 2016/679.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
14
Nov

L’approccio basato sul “RISCHIO E MISURE DI ACCOUNTABILITY” e la RESPONSABILIZZAZIONE DI TITOLARI E RESPONSABILI PRIVACY.

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 Prosegue con questo articolo la nostra analisi sul Regolamento UE 679/16 e ancora una volta riportiamo in parte i contenuti presenti nei punti dell’indice pubblicato dal Garante della Privacy, In particolare valutiamo quale è l’APPROCCIO BASATO SUL RISCHIO E MISURE DI ACCOUNTABILITY (RESPONSABILIZZAZIONE) DI TITOLARI E RESPONSABILI secondo il Regolamento UE 679/2016. Di seguito si riporta una specifica interessante: “Il regolamento pone con forza l'accento sulla "responsabilizzazione" (accountability nell'accezione inglese) di titolari e responsabili – ossia, sull'adozione di comportamenti proattivi e tali da dimostrare la concreta adozione di misure finalizzate ad assicurare l'applicazione del regolamento (si vedano artt. 23-25, in particolare, e l'intero Capo IV del regolamento). Si tratta di una grande novità per la protezione dei dati in quanto viene affidato ai titolari il compito di decidere autonomamente le modalità, le garanzie e i limiti del trattamento dei dati personali – nel rispetto delle disposizioni normative e alla luce di alcuni criteri specifici indicati nel regolamento. Il primo fra tali criteri è sintetizzato dall'espressione inglese "data protection by default and by design" (si veda art. 25), ossia dalla necessità di configurare il trattamento prevedendo fin dall'inizio le garanzie indispensabili "al fine di soddisfare i requisiti" del regolamento e tutelare i diritti degli interessati – tenendo conto del contesto complessivo ove il trattamento si colloca e dei rischi per i diritti e le libertà degli interessati. Tutto questo deve avvenire a monte, prima di procedere al trattamento dei dati vero e proprio ("sia al momento di determinare i mezzi del trattamento sia all'atto del trattamento stesso", secondo quanto afferma l'art. 25(1) del regolamento) e richiede, pertanto, un'analisi preventiva e un impegno applicativo da parte dei titolari che devono sostanziarsi in una serie di attività specifiche e dimostrabili. Fondamentali fra tali attività sono quelle connesse al secondo criterio individuato nel regolamento rispetto alla gestione degli obblighi dei titolari, ossia il rischio inerente al trattamento. Quest'ultimo è da intendersi come rischio di impatti negativi sulle libertà e i diritti degli interessati (si vedano considerando 75-77); tali impatti dovranno essere analizzati attraverso un apposito processo di valutazione(si vedano artt. 35-36) tenendo conto dei rischi noti o evidenziabili e delle misure tecniche e organizzative (anche di sicurezza) che il titolare ritiene di dover adottare per mitigare tali rischi. All'esito di questa valutazione di impatto il titolare potrà decidere in autonomia se iniziare il trattamento (avendo adottato le misure idonee a mitigare sufficientemente il rischio) ovvero consultare l'autorità di controllo competente per ottenere indicazioni su come gestire il rischio residuale; l'autorità non avrà il compito di "autorizzare" il trattamento, bensì di indicare le misure ulteriori eventualmente da implementare a cura del titolare e potrà, ove necessario, adottare tutte le misure correttive ai sensi dell'art. 58: dall'ammonimento del titolare fino alla limitazione o al divieto di procedere al trattamento. Dunque, l'intervento delle autorità di controllo sarà principalmente "ex post", ossia si collocherà successivamente alle determinazioni assunte autonomamente dal titolare; ciò spiega l'abolizione a partire dal 25 maggio 2018 di alcuni istituti previsti dalla direttiva del 1995 e dal Codice italiano, come la notifica preventiva dei trattamenti all'autorità di controllo e il cosiddetto prior checking (o verifica preliminare: si veda art. 17 Codice), sostituiti da obblighi di tenuta di un registro dei trattamenti da parte del titolare/responsabile e, appunto, di effettuazione di valutazioni di impatto in piena autonomia. Peraltro, alle autorità di controllo, e in particolare al "Comitato europeo della protezione dei dati" (l'erede dell'attuale Gruppo "Articolo 29") spetterà un ruolo fondamentale al fine di garantire uniformità di approccio e fornire ausili interpretativi e analitici: il Comitato è chiamato, infatti, a produrre linee-guida e altri documenti di indirizzo su queste e altre tematiche connesse, anche per garantire quegli adattamenti che si renderanno necessari alla luce dello sviluppo delle tecnologie e dei sistemi di trattamento dati. Si segnalano, al riguardo, le linee-guida in materia di valutazione di impatto sulla protezione dei dati recentemente pubblicate dal Gruppo "Articolo 29", disponibili qui: http://ec.europa.eu/newsroom/document.cfm?doc_id=44137.” Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. è disponibile al numero verde 800300333. MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
 
3
Ott

RSPP formazione e aggiornamento dei Responsabili e Addetti dei servizi di Prevenzione e Protezione, tutte le novità

Nell’allegato V del NUOVO ACCORDO STATO REGIONI del 7 luglio c.a sono indicati i criteri di formazione per i Responsabili ed Addetti dei Servizi di Prevenzione e Protezione, previsti dall’art. 32, comma 2, del D. Lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni
E’ possibile consultare una tabella riassuntiva indicante i criteri della formazione rivolta ai soggetti con ruoli in materia di formazione.
I contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP ( Responsabili Servizio Prevenzione e Protezione) e ASPP (Addetto Servizio Prevenzione Protezione) sono visionabili consultando l’allegato A.
Il percorso formativo per RSPP e ASPP è stato articolato in tre moduli denominati A, B e C. Essenziale per l’apprendimento degli altri moduli e il modulo A che rappresenta il corso base con una durata pari a 28 ore, escluse però, le verifiche di apprendimento finali.
Il modulo B riguarda la natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi all’attività lavorativa. Esso risulta essere necessario per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e di ASPP, e prevede un modulo comune a tutti i settori produttivi, fatta eccezione per quattro settori, il cui percorso deve essere integrato con alcuni moduli di specializzazione. Il modulo B prevede una durata di 48 ore, non comprensiva però delle verifiche di apprendimento finali. Infine, per la specializzazione delle funzioni di RSPP è stato ideato il modulo C, la cui durata è di 24 ore escluse, ovviamente, le verifiche di apprendimento finali. Per gli aggiornamenti i responsabili e addetti sono tenuti a frequentare 20 ore nel caso di ASPP, che salgono a 40 se parliamo di RSPP.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
2
Set

SLC – Valutazione Stress Lavoro Correlato

Nella valutazione dello Stress Lavoro Correlato, quali sono i potenziali indicatori oggettivi di Stress correlato con l'attività lavorativa?
Alcuni indicatori oggettivi di Stress Lavoro Correlato riguardano:
· assenteismo
· elevata rotazione del personale;
· lamentele dai lavoratori;
· frequente avvicendamento del personale;
· provvedimenti disciplinari;
· violenza e molestie di natura psicologica;
· riduzione della produttività;
· errori e infortuni;
· aumento dei costi d’indennizzo o delle spese mediche.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero verde 800300333 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
25
Ago

Rischio Chimico – Regolamento REACH e CLP

Qual è la relazione tra il regolamento CLP e il regolamento REACH?
Il regolamento che riguarda la classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio (CLP, decisione 2008/1272/CE) è strettamente correlato al regolamento REACH. Esso definisce il contenuto dell'etichetta apposta sui prodotti immessi sul mercato e la descrizione dei pericoli e delle precauzioni nella scheda di dati di sicurezza. Le informazioni prodotte nell'ambito delle disposizioni del regolamento REACH devono essere utilizzate per classificare il prodotto. Dopodiché, una nuova classificazione inciderà direttamente sulle procedure di valutazione del rischio chimico.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero verde 800300333 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it