1 sicurezza Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘sicurezza’ Category

27
Mar

I corsi per i lavoratori o gli incaricati alla lotta Antincendio e Primo Soccorso rientrano tra corsi della salute e sicurezza sul lavoro obbligatori?



Il corso di formazione per un nuovo "addetto Antincendio" è obbligatoria e si differenzia in base al livello di rischio (corso antincendio rischio basso, medio e alto) dell’azienda e può essere seguito da lavoratori, preposti e anche titolari nel caso di micro imprese.

Questa qualifica è soggetta ad un aggiornamento periodico. MODI propone corsi di aggiornamento della durata di 2 ore per gli addetti antincendio a rischio basse e della durata di 5 ore per gli addetti antincendio a rischio medio.

Per scaricare le schede di iscrizione potete visitare il nostro sito www.modiq.it alla pagina corsi.

Durante le ore di formazione, MODI  fornirà gli strumenti necessari e le competenze utili per istruire tutti i lavoratori all’adempimento delle norme antincendio.

Anche chi ha l'incarico di addetto Primo Soccorso deve seguire dei corsi di formazione e degli aggiornamenti triennali. 

Qui le catergorie di persone si dividono tenendo presente la tipologia di azienda per la quale lavorano. 

Ci sono aziende del gruppa "A" che devono seguire corsi di 16 ore e quelle dei gruppi "B/C" che ne devono fare 12 di ore. Si parla di una formazione anche pratica in quanto la docenza è tenuta da un Medico.

Gli addetti alle squadre di emergenza sono scelti dal datore di lavoro e si occupano di gestire le emergenze e dell’assistenza dei lavoratori in un momento di pericolo e rischio all’interno della sede aziendale.
 
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.



26
Mar

In giugno 2020 a Mestre, Marghera, Venezia, Spinea e in altre città corsi e seminari sull’importanza della formazione per i lavoratori.


La formazione si pone come una misura strategica capace di rispondere alle esigenze e agli obiettivi generali e specifici sulla sicurezza nei luoghi di lavoro?


Secondo la normativa vigente, la formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, si pone come uno degli elementi strategici del quadro normativo delineato dal D. lgs 81/08 e s.m.i e si caratterizza come: processo educativo, misure generali di tutela e obbligo giuridico.


La formazione coinvolge tutte le figure che operano nelle realtà lavorative dai lavoratori, ai preposti, ai dirigenti, al datore di lavoro se assume il ruolo di RSPP, agli addetti al primo soccorso e  antincendio, addetti all'uso di attrezzature di lavoro, coordinatore della sicurezza

 Per essere efficace la formazione e informazione ai lavoratori deve essere:

  •  continua nel tempo;
  •  legata a rischi specifici dell'organizzazione in cui operano i lavoratori;
  •  soggetta ad aggiornamento periodico.
La Società di Consulenza e Formazione MODI S.r.l. di Mestre e Spinea Venezia da oltre 20 anni affianca moltissime PMI con sede in Veneto e nel  Nord Est.


La sede dei corsi di seguito riportati è situata nella città di Mestre in Via Volturno 4e. Questa nostra sede è indicata per chi si muove con i mezzi pubblici in quanto vicinissima alla fermata del tram e del bus (fermata Via Volturno). Comoda la location anche per chi arriva in auto in quanto ci sono dei parcheggi sotterranei liberi e gratuiti e in superficie nei limitrofi.


FORMAZIONE LAVORATORI GENERALE durata 4 ore – 80,00€ + IVA

12 giugno 2020 orario 14.00/18.00


FORMAZIONE LAVORATORI BASSO durata 4 ore – 160,00€ + IVA

17 giugno 2020 orario 14.00/18.00


FORMAZIONE LAVORATORI MEDIO durata 8 ore – 150,00€ + IVA

17 e 19 giugno 2020 orario 14.00/18.00


FORMAZIONE LAVORATORI ALTO durata 12 ore – 220,00€ + IVA

17, 19 e 22 giugno 2020 orario 14.00/18.00


AGGIORNAMENTO LAVORATORI durata 6 ore – 109,90€ + IVA

12 giugno 2020 orario 14.00/18.00 e 17 giugno 2020 orario 14.00/16.00


Sono previsti sconti per partecipazioni multiple alla stessa edizione del corso.


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
24
Mar

Il DPCM del 23 marzo 2020 ha confermato che le attività professionali tra cui quelle di Consulenza aziendale non sono sospese. MODI c’è!

Vi informiamo che il DPCM 23.3.2020 ha confermato che, le attività professionali tra cui quelle di Consulenza aziendale, non sono sospese.

MODI SRL continua l’attività di consulenza alle aziende Clienti e tutte le attività di formazione online e in videoconferenza.

I nostri Consulenti, docenti,  tecnici della prevenzione e Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione, DPO, ODV, continuano a lavorare in smart working. Eventuali incontri sono possibili attraverso piattaforme online. Potete contattarci via mail scrivendo a modi@modiq.it o via telefono.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


19
Mar

Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro

Ricordiamo che il "Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro" sottoscritto dai Sindacati su invito del Governo sabato 14 marzo 2020 prevede al punto 10 (spostamenti interni, riunioni, eventi interni e formazione) alcune specifiche indicazioni riguardanti l'attività formativa.

Sono sospesi e annullati tutti gli eventi interni e ogni attività di formazione in modalità in aula, anche obbligatoria.

Suggeriamo di segure la formazione a distanza, anche per i lavoratori che in questo momento stanno lavaorando da casa. Per visionare la nostra offerta formativa cliccare qui.
 
Il mancato completamento dell’aggiornamento della formazione professionale e/o abilitante entro i termini previsti per tutti i ruoli/funzioni aziendali in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, dovuto all’emergenza in corso e quindi per causa di forza maggiore, non comporta l’impossibilità a continuare lo svolgimento dello specifico ruolo/funzione (a titolo esemplificativo: l’addetto all’emergenza, sia antincendio, sia primo soccorso, può continuare ad intervenire in caso di necessità; il carrellista può continuare ad operare come carrellista)

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.




19
Mar

🌈 Andrà tutto bene! Aspettiamo insieme tempi migliori… Noi ci siamo – MODI SRL


In un quadro emergenziale caratterizzato da normativa e decreti in continua evoluzione, MODI SRL ha attivato una serie di iniziative di supporto per i propri Clienti nonché alcune misure necessarie ad affrontare questo improvviso e delicato contesto.
Attraverso videoconferenze riusciamo ad entrare nelle Vs. Aziende e anche se in maniera diversa continuiamo ad esserci.
Mai come oggi la prevenzione nei luoghi di lavoro è fondamentale. Noi vogliamo essere al tuo fianco è sostenerti per quanto possibile anche se a distanza.
Ti riassumiamo qui di seguito le principali norme da rispettare:
•                        favorire se possibile lo smart working, incentivare le ferie e i congedi retribuiti nonché altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
•                        rispettare la distanza minima di sicurezza di 1 metro e possibilmente di più tra una persona e l’altra (il punto più importante);
•                        qualora il lavoro imponga di lavorare a distanza interpersonale minore di 1 m e non siano possibili altre soluzioni organizzative è necessario l’uso delle mascherine del tipo FFP2 o FFP3 e altri DPI (guanti monouso, occhiali con protezioni laterali, tute es. tyvek, ecc.)
•                        garantire la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica dei punti più critici dove si posano le mani: tastiere, schermi touch, tastiere dei distributori di bevande e snack, mouse, pulsantiere, maniglie, ecc. con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti operativi
•                        aerare i locali più volte al giorno;
•                        l’accesso agli spazi comuni deve essere contingentato, con una ventilazione continua dei locali e con un tempo ridotto di sosta
•                        garantire la presenza di detergenti segnalati da apposite indicazioni.
•                        per l’accesso di fornitori esterni individuare modalità di accesso  al fine di  ridurre le occasioni di contatto con il personale in forza nei reparti/uffici coinvolti
•                        per fornitori/trasportatori e/o altro personale esterno  prevedere il divieto di utilizzo dei servizi igienici del personale dipendente (se possibile individuare servizi igienici dedicati);
•                        da costituire in azienda un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione del RLS

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


18
Mar

Coronavirus: ulteriori misure urgenti


Massimo utilizzo del lavoro agile

Coronavirus: ulteriori misure urgenti

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 marzo 2020 per l'adozione in tutta Italia di ulteriori misure in materia di contenimento e di gestione dell’emergenza.

Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 marzo 2020 ha disposto, per l’intero territorio nazionale, la sospensione delle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di cui all'allegato 1, nonchè le attività relative ai servizi alla persona. Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi.
 
Le pubbliche amministrazioni devono assicurare lo svolgimento in via ordinaria delle prestazioni lavorative in forma agile del proprio personale dipendente, anche in deroga agli accordi individuali e agli obblighi informativi, e devono individuare le attività indifferibili da rendere in presenza.
 
Il nuovo decreto produce effetti dal 12 marzo fino al 25 marzo 2020 e, dalla sua entrata in vigore, cessano di produrre effetti le misure previste dai decreti dell’8 e del 9 marzo 2020, se incompatibili con le nuove disposizioni.
 
Allegato al presente anche il modulo di autodichiarazione dei motivi dello spostamento, aggiornato al 17 marzo 2020.
INFORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL LAVORO AGILE AI SENSI DELL’ART. 22, COMMA 1, L. 81/2017
Al lavoratore
Al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) 
Oggetto: informativa sulla sicurezza dei lavoratori (art. 22, comma 1, della legge 22 maggio 2017 n. 81)
AVVERTENZE GENERALI
Si informano i lavoratori (_________) degli obblighi e dei diritti previsti dalla legge del 22 maggio 2017 n. 81 e dal decreto legislativo del 9 aprile 2008 n. 81.
Sicurezza sul lavoro (art. 22 L. 81/2017) 
1. Il datore di lavoro garantisce la salute e la sicurezza del lavoratore, che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile, e a tal fine consegna al lavoratore e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, con cadenza almeno annuale, un'informativa scritta, nella quale sono individuati i rischi generali e i rischi specifici connessi alla particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro. 
2. Il lavoratore è tenuto a cooperare all'attuazione delle misure di prevenzione predisposte dal datore di lavoro per fronteggiare i rischi connessi all'esecuzione della prestazione all'esterno dei locali aziendali.

18
Mar

Emergenza coronavirus, come garantire la sicurezza in cantiere?

18/03/2020 – L’emergenza coronavirus crea incertezze per i professionisti che lavorano nei cantieri, come direttore dei lavori e coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione. Nei cantieri, infatti, l’applicazione del DPCM 11 marzo 2020 risulta essere più problematica in quanto solo in minima parte è possibile svolgere le attività da remoto.   A questo proposito, la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) ha suggerito di seguire un protocollo operativo che ha esposto in una lettera inviata al Premier Giuseppe Conte, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e al Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli.   Sicurezza dei cantieri ai tempi del coronavirus La RPT rileva che il DPCM non prevede espressamente la sospensione delle attività produttive connesse alla realizzazione di un’opera ma solo di quelle che possono essere assimilate alle attività di un “reparto aziendale non indispensabile..
Continua a leggere su Edilportale.com

17
Mar

Covid-19:


infortuni sul lavoro i contagi di medici, infermieri e altri operatori di strutture sanitarie pubbliche e private

Covid-19: 

infortuni sul lavoro i contagi di medici, infermieri e altri operatori di strutture sanitarie pubbliche e privateUna nota dell’Inail chiarisce le modalità di gestione delle assenze dal lavoro dei dipendenti del Ssn e di qualsiasi altra struttura assicurata con l’Istituto. La tutela copre l’intero periodo di quarantena e quello eventualmente successivo, dovuto a prolungamento di malattia che determini una inabilità temporanea assoluta

ROMA - I contagi da nuovo Coronavirus di medici, infermieri e altri operatori dipendenti del Servizio sanitario nazionale e di qualsiasi altra struttura sanitaria pubblica o privata assicurata con l’Inail, avvenuti nell’ambiente di lavoro o a causa dello svolgimento dell’attività lavorativa, sono tutelati a tutti gli effetti come infortuni sul lavoro.

Lo chiarisce una nota dell’Istituto pubblicata oggi, nella quale è precisato che la tutela assicurativa si estende anche ai casi in cui l’identificazione delle precise cause e modalità lavorative del contagio si presenti problematica. Se l’episodio che lo ha determinato non può essere provato dal lavoratore, infatti, si presume che il contagio sia una conseguenza delle mansioni svolte.

Sono ammessi alla tutela dell’Istituto gli operatori che risultino positivi al test specifico di conferma del contagio. La tutela Inail – che, come è noto, si estende a tutte le conseguenze dell’infortunio – nei casi di infezione da nuovo Coronavirus copre l’assenza lavorativa dovuta a quarantena o isolamento domiciliare per l’intero periodo e quello eventualmente successivo, dovuto a prolungamento di malattia che determini una inabilità temporanea assoluta.

L’Azienda sanitaria locale o la struttura ospedaliera/sanitaria privata di appartenenza del personale infortunato, in qualità di datori di lavoro pubblico o privato, debbono assolvere all’obbligo di effettuare, come per gli altri casi di infortunio, la denuncia/comunicazione di infortunio all’Inail. Resta fermo, inoltre, l’obbligo da parte del medico certificatore di trasmettere all’Istituto il certificato medico di infortunio.

Sono tutelati dall’Inail anche gli eventi infettanti accaduti durante il percorso casa lavoro e viceversa, configurabili quindi come infortuni in itinere.

E-learning_15png.pngscarica documento inail

16
Mar

Corsi di aggiornamento e di formazione dei lavoratori a Giugno 2020


La Società di consulenza e formazione MODI® S.R.L. con sedi in Mestre, Spinea Venezia attiva delle sessioni formative e di aggiornamento per tutti i lavoratori operanti in aziende a rischio basso medio e alto. Tra le varie proposte del mese di giugno 2020 corsi per la formazione e l’addestramento di addetti al primo soccorso, antincendio, RSPP Datore di Lavoro, RLS, RSPP e Preposti.

Tutte le attività anche con un solo dipendente ad esclusione del Datore di Lavoro, per ottemperare a quanto stabilito nel D.Lgs 81/2008, devono frequentare i corsi obbligatori in materia di sicurezza sul lavoro e mantenere nel tempo le qualifiche partecipando ai corsi di aggiornamento periodici. Tali inadempienze comportano delle sanzioni pecuniarie o detentive.

La sede dei corsi di MODI® è situata in Via Volturno 4/e a Mestre. L’aula corsi è comoda per chi usa i mezzi pubblici (a 50 metri dalla fermata del tram/bus “Volturno”).

Per scaricare le schede di iscrizione scontate cliccare qui. Sono previsti sconti aggiuntivi per chi fa partecipare alla stessa edizione del corso più persone.

Formazione incaricati al “PRIMO SOCCORSO” di aziende del gruppo A - durata 16 ore:
Sede Mestre/date: mercoledì 24, venerdì 26 giugno 2020 orario 14.00/19.30 e martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/19.00 a € 180,00 + IVA
Aggiornamento triennale incaricati “PRIMO SOCCORSO” gruppo A con programma di durata complessiva di 6 ore scontato a € 95,00 + IVA
Sede Mestre/date: mercoledì 24, venerdì 26 e martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/18.00.
Formazione addetti  “PRIMO SOCCORSO” dei Gruppi B/C – durata 12 ore a € 150,00 + IVA
Sede Mestre/date: mercoledì 24 orario 14.00/16.00 e martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/18.00.
Aggiornamento triennale gruppi B/C con programma di durata complessiva di 4 ore:
Sede Mestre/date: martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/18.00 scontato a € 70,00 + IVA

Formazione “ANTINCENDIO” rischio medio 8 ore con prova pratica:
Sede Mestre/date: giovedì 4 giugno 2020 orario 14.00/18.00 e giovedì 11 giugno 2020 orario 08.30/12.30 a a € 130,00 + IVA
Aggiornamento addetti “ANTINCENDIO” rischio medio durata 5 ore :
Sede Mestre/data: 11 giugno 2020 orario 8.30/13.30 a € 75,00 + IVA
Addestramento incaricati alla lotto “ANTINCENDIO” in aziende a rischio basso   4 ore  :
Sede Mestre/data: 04 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 90,00 + IVA
Aggiornamento “ANTINCENDIO” incaricati a rischio basso   durata   2 ore:    
Sede Mestre/data:  04 giugno 2020 orario 14.00/16.00 a € 45,00 + IVA
Formazione “LAVORATORI” modulo generale GENERALE durata 4 ore:      
Sede Mestre/data: venerdì 12 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 70,00 + IVA
Formazione “LAVORATORI” a rischio BASSO  durata 4 ore:                 
Sede Mestre/data: mercoledì 17 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 70,00 + IVA
Corsi di formazione “LAVORATORI” a rischio MEDIO programma durata 8 ore:
Sede Mestre/date: mercoledì 17, venerdì 19 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 110,00 + IVA
Corso di formazione “LAVORATORI” a rischio ALTO programma durata 12 ore:
Sede Mestre/date: mercoledì 17,   venerdì 19 e lunedì 22 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 170,00 + IVA
Aggiornamento quinquennale  “LAVORATORI” programma durata  6 ore:
Sede Mestre/date: venerdì 12 giugno 2020 orario 14.00/18.00 e mercoledì 17 giugno 2020 orario 14.00/16.00 a € 100,00 + IVA

Formazione “PREPOSTI” ovvero capo cantiere, capo turno, capo squadra ecc. durata 8 ore:
Sede Mestre/date: mercoledì 3 e martedì 9 giugno 2020 orario 14.00/18.00   a € 130,00 + IVA                     
Aggiornamento quinquennale “PREPOSTI” durata lezione 6 ore
Sede Mestre/date: mercoledì 3 orario 14.00/18.00 e martedì 9/06/20 orario 14.00/16.00 a € 100,00 +IVA
Aggiornamento annuale“Rappresentante Lavaratori Sicurezza” in aziende con più di 50 dipendenti -  durata corso 8 ore:
Sede Mestre/date: venerdì 5, lunedì 8 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 130,00 + IVA       
Corso di aggiornamentoannuale per “RLS” aziende con meno di 50 lavoratori - durata 4 ore:
Sede Mestre/data: venerdì 5 giugno 2020 orario 14.00/18.00 a € 75,00 + IVA                                             
Aggiornamento quinquennale per DATORE DI LAVORO che assumono incarico di RSPP:      
RSPP di aziende classificate a “Rischio basso” durata programma 6 ore:
Sede Mestre/data:  1 giugno 2020 orario 13.00/19.00 a € 130,00 + IVA
RSPP di aziende classificate a “Rischio medio” durata programma 10 ore:
Sede Mestre/data:  1 giugno 2020 orario 8.30/13.30 - 14.00/19.00 a € 220,00 + IVA
RSPP di aziende classificate a “Rischio alto” durata programma 14 ore:
Sede Mestre/date:  1 giugno 2020 orario 9.00/13.00 - 14.00/18.00, 2 giugno orario 14.00/16.00 e ultima data da definire  a € 300,00 + IVA
Formazione per “RSPP DATORE DI LAVORO” rischio basso 16 ore:
Sede Mestre/date:  1, 2 giugno 2020 orario 9.00/13.00 - 14.00/18.00 a € 230,00 + IVA
Formazione per “RSPP DATORE DI LAVORO” rischio basso 32 ore:
Sede Mestre/date:  1, 2, 10, 15 giugno 2020 orario 9.00/13.00 - 14.00/18.00 a € 230,00 + IVA
Formazione per “RSPP DATORE DI LAVORO” rischio basso 48 ore:
Sede Mestre/date:  1, 2, 10, 15, 16, 18 giugno 2020 orario 9.00/13.00 - 14.00/18.00 a € 230,00 + IVA

MODI segue la Clientela interessata all'ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.

Aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato.  

Per visionare i commenti dei nostri clienti a disposizione la pagina dicono di noi.



Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it


15
Mar

Virus Covid-19 negli ambienti di lavoro


Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento

Virus Covid-19 negli ambienti di lavoro

Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimentoProtocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro 14 marzo 2020.

Sabato 14 marzo 2020, è stato sottoscritto il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”.

Il documento, tenuto conto di quanto emanato dal Ministero della Salute, contiene linee guida condivise tra le Parti per agevolare le imprese nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio, ovverosia Protocollo di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID 19 negli ambienti di lavoro.

È obiettivo prioritario coniugare la prosecuzione delle attività produttive con la garanzia di condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro e delle modalità lavorative.

Nell’ambito di tale obiettivo, si può prevedere anche la riduzione o la sospensione temporanea delle attività.
La prosecuzione delle attività produttive può infatti avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione.

Pertanto le Parti convengono sin da ora il possibile ricorso agli ammortizzatori sociali, con la conseguente riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, al fine di permettere alle imprese di tutti i settori di applicare tali misure e la conseguente messa in sicurezza del luogo di lavoro. 

Il Protocollo è stato sottoscritto su invito del Presidente del Consiglio dei ministri, del Ministro dell’economia, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro della salute, che hanno promosso l’incontro tra le parti sociali, in attuazione della misura, contenuta all’articolo 1, comma primo, numero
9), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, che - in relazione alle attività professionali e alle attività produttive - raccomanda intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.

Il Governo favorisce, per quanto di sua competenza, la piena attuazione del Protocollo

1-INFORMAZIONE 
2-MODALITA’ DI INGRESSO IN AZIENDA
3-MODALITA’ DI ACCESSO DEI FORNITORI ESTERNI
4-PULIZIA E SANIFICAZIONE IN AZIENDA
5-PRECAUZIONI IGIENICHE PERSONALI
6-DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 
7. GESTIONE SPAZI COMUNI (MENSA, SPOGLIATOI, AREE FUMATORI, DISTRIBUTORI DI BEVANDE E/O SNACK…)
8-ORGANIZZAZIONE AZIENDALE (TURNAZIONE, TRASFERTE E SMART WORK, RIMODULAZIONE DEI LIVELLI PRODUTTIVI)
9- GESTIONE ENTRATA E USCITA DEI DIPENDENTI 
10-SPOSTAMENTI INTERNI, RIUNIONI, EVENTI INTERNI E FORMAZIONE
11-GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA IN AZIENDA
12-SORVEGLIANZA SANITARIA/MEDICO COMPETENTE/RLS
13-AGGIORNAMENTO DEL PROTOCOLLO DI REGOLAMENTAZIONE

Informazione:
L’azienda, attraverso le modalità più idonee ed efficaci, informa tutti i lavoratori e chiunque entri in azienda circa le disposizioni delle Autorità, consegnando e/o affiggendo all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili dei locali aziendali, appositi depliants informativi
Formazione:
sono sospesi e annullati tutti gli eventi interni e ogni attività di formazione in modalità in aula, anche obbligatoria, anche se già organizzati; è comunque possibile, qualora l’organizzazione aziendale lo permetta, effettuare la formazione a distanza, anche per i lavoratori in smart work
Il mancato completamento dell’aggiornamento della formazione professionale e/o abilitante entro i termini previsti per tutti i ruoli/funzioni aziendali in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, dovuto all’emergenza in corso e quindi per causa di forza maggiore, non comporta l’impossibilità a continuare lo svolgimento dello specifico ruolo/funzione (a titolo esemplificativo: l’addetto all’emergenza, sia antincendio, sia primo soccorso, può continuare ad intervenire in caso di necessità; il carrellista può continuare ad operare come carrellista)

È costituito in azienda un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del RLS.