1 obbligo Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts tagged ‘obbligo’

18
Gen

Rifiuti edili, allo studio la decostruzione selettiva

18/01/2019 - Definire le procedure per il recupero dei rifiuti derivati dalle attività di trasformazione del territorio. È questo l’obiettivo del tavolo tecnico sulla decostruzione selettiva - composto da esperti e i rappresentanti di UNI e della Rete della Professioni Tecniche - che ha iniziato nei giorni scorsi i suoi lavori. Ne dà notizia il Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali (CONAF) che partecipa al tavolo. “Lo scopo di questo tavolo è di definire le prassi per stilare un piano di smaltimento rifiuti che rientri nei workflow digitali e permetta il recupero dei rifiuti così da tutelare l’ambiente e attuare uno sviluppo sostenibile” - ha dichiarato Stefano Villarini, Consigliere CONAF. “Un obiettivo - prosegue Villarini - che si inserisce perfettamente nell’attività quotidiana dei dottori agronomi, in quanto titolari di competenze e.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Gen

La filiera edilizia sfida il futuro con l’innovazione

18/01/2019 – Il rilancio dell’edilizia passa per la ristrutturazione del patrimonio edilizio, traendo spunto dalla tradizione ma puntando su competenze, innovazione, efficienza energetica, sostenibilità e bellezza. Questo il messaggio che trasmette il rapporto “100 Italian Stories for future Building”, realizzato da Fondazione Symbola e Fassa Bortolo, in collaborazione con la Triennale di Milano, con esperti di settore e con MadeExpo, in cui è illustrato il racconto di cento realtà della filiera edilizia che, mediante l’innovazione, sfidano il futuro. L’edilizia del futuro sarà sostenibile, innovativa e solidale Per il presidente di Symbola Ermete Realacci e per il presidente di Fassa Bortolo, Paolo Fassa, ristrutturare il patrimonio  edilizio nazionale vuol dire affrontare le sfide dei cambiamenti climatici e rendere più belle e vivibili le nostre città, andare incontro.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Gen

OICE e Legacoop: ‘no al ripristino dell’incentivo del 2% per i pubblici dipendenti’

18/01/2019 - “No al ripristino dell’incentivo a progettare per i pubblici dipendenti; sì a incentivare i RUP sul rispetto dei tempi e dei costi dell’opera”. È questa la dura presa di posizione dell’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria, e dell’Associazione nazionale produzione e servizi di Legacoop sulla proposta contenuta nell’emendamento di M5S e Lega all’articolo 5 del disegno di legge di conversione del DL Semplificazione all’esame delle Commissioni del Senato. Incentivo del 2% ‘pericoloso passo indietro’ In particolare, i progettisti di OICE e Legacoop evidenziano come “la proposta di ripristino dell’incentivo del 2% a favore dei tecnici delle pubbliche amministrazioni che progettano, costituisce un pericoloso passo indietro sul fronte della qualità dei progetti e rischia di ripristinare opache prassi.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
18
Gen

Scuole digitali, 1.115 progetti finanziati con 22 milioni di euro

18/01/2019 – In arrivo 1.115 nuovi spazi innovativi e digitali all’interno delle scuole grazie ai 22 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione (Miur) per la progettazione di ambienti didattici tecnologicamente all’avanguardia nell’ambito del pacchetto ‘Scuola digitale’. Il MIUR, infatti, ha pubblicato la graduatoria dei progetti, stilata sulla base dei criteri (alto tasso di dispersione scolastica, disagio negli apprendimenti, ecc) pubblicati nel bando pubblico dello scorso dicembre. Scuole innovative: la graduatoria dei progetti All’Avviso per la presentazione delle candidature hanno risposto oltre 5.000 istituzioni scolastiche; grazie alle risorse stanziate dal Miur sarà possibile finanziare la progettazione di 1.115 ambienti digitali, di cui 663 nel I ciclo di istruzione e 452 nel secondo. Il contributo massimo attribuibile dal Miur a ciascuna istituzione scolastica per.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
17
Gen

CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER ADDETTI EMERGENZA ANTINCENDIO

CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER ADDETTI EMERGENZA ANTINCENDIO
MODI SRL  organizza incontri formativi indirizzati agli addetti alla gestione delle emergenze antincendio ed evacuazione per attività di incendio a rischio basso della durata di 4 ore e rischio medio della durata di 8 ore.
I corsi rivolti agli addetti antincendio vengono organizzati con periodicità mensile presso le nostre aule di Spinea (Via Lavezzari 2 e Mestre in Via Volturno 4/e), possono anche essere organizzati presso la sede del cliente, se è previsto un numero di partecipanti congruo.
Al termine del corso antincendio verrà rilasciato un attestato di formazioneche dovrà essere conservato in azienda a cura del datore di lavoro.
Scopri con MODI quali sono le principali misure di protezione contro gli incendi, le procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme, procedure per l’evacuazione, rapporti con i vigili del fuoco, attrezzature ed impianti di estinzione, sistemi di allarme e molto altro. 
Contattare la segeteria organizzativa al numero verde 800300333 oppure visitare il sito www.modiq.it per visionare il nostro catalogo corsi.
 
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
 
17
Gen

L’obbligo di ripetizione delle analisi strumentali per la valutazione del rischio rumore e altri agenti fisici è ogni 4 anni?

L'obbligo di ripetizione delle analisi strumentali per la valutazione del rischio rumore e altri agenti fisici è ogni 4 anni? La valutazione dei rischi da agenti fisici (rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche artificiali, ecc.) va ripetuta almeno ogni 4 anni, o comunque in caso di mutamenti dei macchinari, delle tecnologie utilizzate o di particolari risultati della sorveglianza sanitaria. MODI S.r.l. con sede nelle città di Mestre e Spinea organizza corsi e seminari su questo specifico argomento e esegue con i propri tecnici qualificati le valutazioni sul rischio da esposizione a Rumore.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
17
Gen

Periodicamente il Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro viene revisionato.

Il Testo Unico per la Sicurezza dei Lavoratori è un complesso di norme della Repubblica Italiana, in materia di salute e sicurezza sul lavoro, emanate con il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. In Italia è la norma di riferimento per quanto concerne la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.
Il D.Lgs. 81/2008 ha riformato, riunito ed armonizzato, abrogandole, le disposizioni dettate da numerose precedenti normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro succedutesi nell'arco di quasi sessant’anni, al fine di adeguare il corpus normativo all’evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro.
Il D.Lgs. 81/2008 fornisce disposizioni generali per quanto concerne la sicurezza e l’igiene sul lavoro, i requisiti dei luoghi di lavoro, la prevenzione incendi, l’evacuazione dei lavoratori e il primo soccorso e si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici ed a tutti i lavoratori e lavoratrici, subordinati e autonomi, nonché ai soggetti ad essi equiparati.
Sono tutelati dal suddetto decreto, oltre i lavoratori con contratto di lavoro subordinato, anche i soci lavoratori, i tirocinanti, gli allievi degli istituti di istruzione ed universitari che utilizzano agenti chimici, biologici, videoterminali o che possono essere esposti ad agenti fisici, i volontari dei VV.FF. e della protezione civile e gli addetti a lavori socialmente utili. 
Sono, invece, esclusi dalla disciplina del Testo Unico della Sicurezza gli addetti ai servizi domestici e familiari.
L’importanza dell’osservanza da parte dei Datori di Lavoro di questa Legge è fondamentale.
Va prestata la massima attenzione e ci se deve far “consigliare” bene affinché ci sia una corretta valutazione dei rischi. Un buon RSPP esterno "Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione" diventa per il datore di lavore un punto di riferimento.  
I nostri consulenti di organizzazione aziendale sono abilitati come RSPP e restano a disposizione per chiarimenti e per un sopralluogo gratuito presso l'Azienda. Per informazioni contattateci al numero verde 800300333 o via e-mail.
  Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
17
Gen

Efficienza energetica, in arrivo le regole applicative del Fondo Nazionale

17/01/2019 - Si è svolta ieri, nella Sala degli Arazzi del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), la presentazione della proposta di regole applicative del Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica, messa a punto dal MISE e da Invitalia. Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica - spiega il MISE - è stato istituito dal Dlgs 102/2014 attuativo della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica ed è finalizzato a mobilitare maggiori risorse private per la realizzazione di interventi di efficienza energetica realizzati da imprese, ESCO e Pubblica Amministrazione su edifici, impianti e processi produttivi e integra gli strumenti di incentivazione dedicati al raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica. La Legge di Stabilità per il 2018, ricordiamo, ha previsto che una sezione del Fondo - con dotazione massima di 150 milioni di euro - sia dedicata all’ecoprestito cioè al rilascio.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
17
Gen

Professionisti e imprese, più vicini i pagamenti della PA

17/01/2019 – Sta per sbloccarsi la situazione di professionisti e imprese che vantano crediti nei confronti di Regioni ed Enti locali. È attiva la piattaforma con cui Cassa Depositi e Prestiti (CdP) anticiperà ai fornitori i pagamenti della Pubblica Amministrazione maturati al 31 dicembre 2018. Pagamenti PA, la soluzione di Cassa Depositi e Prestiti CdP presterà agli Enti le risorse necessarie al pagamento dei debiti ai loro fornitori a condizioni favorevoli. In questo modo sarà possibile raggiungere un duplice obiettivo: non gravare sulle casse delle Pubbliche amministrazioni e far ottenere a professionisti e imprese la liquidazione dei loro crediti. La misura contribuirà a risolvere il problema della mancanza di liquidità, che in questi anni ha portato diversi soggetti a cessare la propria attività. Pagamenti PA, sull’Italia il faro di Bruxelles In Europa la Direttiva 2011/7/UE sui ritardi.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
17
Gen

Consumo di suolo, Ance propone una ‘rivoluzione culturale’

17/01/2019 – Promuovere una rivoluzione culturale per rendere il processo di rigenerazione urbana conveniente e aderente alla realtà. È la proposta per il contrasto al consumo di suolo presentata dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) in audizione presso le Commissioni riunite Agricoltura e Territorio ed Ambiente del Senato. L’Ance, rappresentata dal vicepresidente Filippo Delle Piane, ha presentato una serie di proposte per far sì che i disegni di legge n. 86 e n.164 risolvano le criticità presenti nel patrimonio edilizio e infrastrutturale, evitando che restino provvedimenti avulsi dalla realtà. Consumo di suolo netto pari a zero e rigenerazione L’Ance ha spiegato che l’obiettivo europeo del “consumo netto pari a zero” non impone il divieto di occupazione di nuovo territorio. L’occupazione infatti è consentita a condizione che “avvenga a saldo zero”,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231