1 modello 231 Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘modello 231’ Category

30
Mag

In che modo la certificazione UNI EN ISO 14001 permette alle Aziende di attestare la validità del proprio sistema di gestione ambientale?

La certificazione UNI EN ISO 14001 permette alle Aziende di attestare la validità del proprio sistema di gestione ambientale interno mediante la verifica della rispondenza a determinati requisiti definiti a livello internazionale da parte di organismi esterni accreditati. I sistemi di gestione ambientale si integrano con i Modelli Organizzativi D. Lgs. 231/01 e con altri sistemi di gestione, come ISO 9001 (qualità) e OHSAS 18001 (sicurezza). Questi Sistemi di Gestione diventano quindi un valido strumento di tutela dell'Azienda dal rischio di commissione di reati anche di natura colposa e formale recentemente introdotti come causa di Responsabilità Amministrativa dell'Ente ai sensi del D. Lgs. 231/2001. Sei  dipendente e lavori a Marghera, Marcon, Mirano, Venezia, Mestre e limitrofi?  Ci sono in partenza per te  i corsi che sono obbligatori da fare quando si è neoassunti. Dillo al tuo datore di lavoro! MODI SRL ti aspetta. I nostri corsi sono in offerta e hanno prezzi competitivi. Organizziamo anche docenze  per mantenere le qualifiche e che vanno fatte  periodicamente. Organizziamo seminari gratuiti in materia di sicurezza e a 360 gradi e offriamo formazione in aule del Veneto, online o presso la sede del Cliente) per nuovi dipendenti, addetti al primo soccorso, antincendio, uso attrezzature. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
 
8
Mag

Il D. Lgs. 231/01 prevede alcune sanzioni, variabili a seconda della fattispecie e della gravità del reato commesso.

Il D. Lgs. 231/01 prevede alcune sanzioni, variabili a seconda della fattispecie e della gravità del reato commesso.
Le sanzioni possono essere sia di tipo pecuniario fino a 1.549.000,00 €, sia di tipo interdittivo, come la sospensione o revoca delle licenze/autorizzazioni/concessioni, il divieto di contrarre con la Pubblica Amministrazione, la sospensione dell’esercizio dell’attività fino a due anni, l’esclusione da contributi/finanziamenti/agevolazioni. In sostanza queste sanzioni sono in grado di decretare la fine dell’Azienda coinvolta in un reato penale commesso, a propria insaputa, dai propri collaboratori.
Le sanzioni interdittive possono venire applicate agli Enti sprovvisti di un Modello Organizzativo 231/01 anche in fase cautelare, cioè ancora prima che venga emesso il giudizio durante le indagini preliminari, su richiesta del Pubblico Ministero, nel caso in cui il Giudice ravvisi gravi indizi di colpevolezza ed il concreto pericolo di reiterazione del reato.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
4
Mag

MODI SRL si propone per la Consulenza per l’applicazione del D. Lgs. 231/01 e il rispetto della “Responsabilità Amministrativa delle Società”.

Con il Decreto Legislativo 231/01 il noto principio del “societas delinquere non potest” viene superato dalla diretta responsabilità dell'azienda per i fatti penali commessi dai propri amministratori, dirigenti, dipendenti e collaboratori anche non alle dirette dipendenze.
Sono molteplici le fattispecie di reati penali che prevedono una responsabilità diretta dell'azienda e coinvolgono una serie di materie nelle quali il confine tra un comportamento lecito ed uno penalmente rilevante è molto sottile. Ad esempio basta pensare al reato di lesioni gravi colpose per omissione della disciplina prevista in materia di sicurezza sul luogo di lavoro (D. Lgs. 81/08).
Dall’anno di entrata in vigore del Decreto (2001) ad oggi, sono state introdotte progressivamente nuove tipologie di reato che implicano una Responsabilità Amministrativa per l'azienda: il numero attuale arriva ad oltre 155 differenti fattispecie di reato, ed altre sono allo studio da parte del Legislatore, sui principali temi di interesse sociale. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
20
Mar

IL CAPORALATO: NUOVO REATO 231

IL CAPORALATO: NUOVO REATO 231
Fra i reati che determinano la Responsabilità Amministrativa degli enti dal 4 novembre 2016 c’è anche il Caporalato. La Legge 29 ottobre 2016, n. 199 “Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo” ha introdotto l’art. 603-bis c.p. (Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro) tra i reati presupposto del D.Lgs. 231/2001 (vedasi art. 25-quinqies). Nel caso in cui l’ente commettesse tale reato, le sanzioni 231 applicabili alla società sono: - SANZIONE PECUNIARIA: da un MINIMO DI € 100.000 ad un MASSIMO di € 1.550.000 - SANZIONI INTERDITTIVE: da un anno a due, salvo l’interdizione definitiva nei casi più gravi. MODI SRL si propone per ricoprire il ruolo di ODV neglio Organismi di Vigilanza e per consulenze sull'adozione di un Modello Organizzativo 231.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it.
 
13
Gen

DALL’INAIL OLTRE 244 MILIONI DI EURO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

 
Pubblicato a fine anno 2016 il nuovo bando ISI per sostenere le imprese che intendono realizzare progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Sono ammessi a contributo:
1. Progetti di investimento;
2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività.
I destinatari del bando sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. Sono escluse quelle che erano già state ammesse a contributo con gli Avvisi Inail 2012, 2013, 2014 e 2015.
Le imprese potranno presentare un solo progetto e per una sola unità produttiva su tutto il territorio nazionale. I fondi a disposizione, pari a circa 244 milioni di euro, sono ripartiti in budget regionali e il contributo erogato è pari al 65% delle spese sostenute per la realizzazione del progetto, per un massimo di 130.000 euro (50.000 euro per i progetti di cui al punto 4).
La partecipazione al bando prevede tre fasi successive: inserimento online del progetto, inserimento del codice identificativo e invio del codice identificativo (click-day). Dal 19/04/2017 al 5/06/2017, le aziende interessate a partecipare e registrate nel portale Inail, avranno a disposizione un’applicazione per la compilazione on line della domanda, che consentirà di effettuare simulazioni per verificare il raggiungimento del punteggio “soglia” di ammissibilità e salvare la domanda inserita.
A partire dal 12/06/2017 inizierà la seconda fase: le imprese che hanno raggiunto la soglia minima di ammissibilità e salvato la domanda potranno accedere nuovamente alla procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice identificativo.
Nella terza e ultima fase, denominata click-day, le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito. I contributi sono a fondo perduto e vengono assegnati fino all’esaurimento delle risorse disponibili, secondo l’ordine cronologico di invio della domanda.
MODI S.r.l. fornisce assistenza alle Aziende relativamente ai progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale sia nella fase di ottenimento del finanziamento che di realizzazione dei progetti finanziati.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
OLTRE 244 MILIONI DI EURO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO....continua a leggere su https://www.modiq.it/
 
OLTRE 244 MILIONI DI EURO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO....continua a leggere su https://www.modiq.it/
16
Nov

Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dal D.Lgs. 231/2001 all’organismo di vigilanza sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l’esonero dalla responsabilità.

Il corretto ed efficace svolgimento dei compiti di vigilanza affidati dalla Legge all'organismo di vigilanza (ODV) sono presupposti indispensabili e assolutamente inderogabili per l'esonero dalla responsabilità, sia che il reato sia stato commesso dai soggetti “apicali” sia che sia stato commesso dai soggetti sottoposti all'altrui direzione. Questo è il senso dell'art. 7, comma 4, del D.Lgs. 231/2001 il quale prevede che l'efficace attuazione del modello richiede, oltre all'istituzione di un sistema disciplinare, una sua verifica periodica, che ragionevolmente può essere attuata solo da parte dell'organismo a ciò appositamente dedicato.
Per quanto attiene alle aziende di piccole dimensioni, al fine di non gravare eccessivamente in termini economici sulle medesime, il legislatore consente di affidare i compiti demandati all’organismo di vigilanza direttamente all'amministratore della società o al socio responsabile della stessa, preoccupandosi in tal modo di non gravare sulla piccola impresa obbligandola a sopportare costi sicuramente eccessivi e non commisurati all’obiettivo della legge. E' però del tutto evidente, che da un punto di vista pratica, la capacità di vigilanza risulta notevolmente attenuata, anche per un evidente conflitto di interesse.
I principali requisiti che l'organismo di Vigilanza 231 deve possedere sono l’autonomia ed indipendenza, onorabilità e professionalità.
Maurizio Billi e Matteo Scomparin sono i referenti in Modi Srl Consulenza Formazione per i modelli di organizzazione e gesrione D.lgs 231/2001 e assumono anche il ruolo di ODV Organismo di Vigilanza. Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 800300333 ci si può iscrivere al seminario del 21/03/16 Dgr 2120.
Per ulteriori informazioni contattaci via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.
14
Nov

Organismo di Vigilanza? Assumiamo incarico e offriamo la consulenza per la realizzazione di Modelli di Organizzazione Gestione Controllo D.lgs. 231/2001

 
Cerchi una consulenza per la realizzazione di un Modello di Organizzazione Gestione Controllo D.lgs. 231/2001? Affidati allo staff di MOG231 BY MODI! Troverari serietà, disponibilità e esperienza. Raccomandati dagli stessi Clienti MOG231 organizza seminiari informativi ed effettua sopralluoghi gratuiti in Veneto e nel Nord Est.
Per ulteriori informazioni contattateci al numero verde gratuito anche da telefoni cellulari e smartphone 800300333, via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.
 
 
7
Nov

Conformità alla ISO 37001:2016? Adotta un sistema di gestione anticorruzione – MODI SRL

ISO ha recentemente pubblicato uno specifico standard in materia di prevenzione della corruzione la norma ISO 37001:2016, che diventerà un asset su cui puntare per dare corpo a quanto già predisposto dai singoli paesi in ottica regolamentare, come ad esempio nel nostro Paese il D. Lgs 231/01, la legge 190/92 e le recenti misure del ''Pacchetto Anticorruzione''.
Tale norma, pensata per aiutare le organizzazioni pubbliche e private di qualsiasi dimensione a prevenire il compimento di atti corruttivi, specifica le misure e i controlli che un'organizzazione è chiamata ad adottare per prevenire la corruzione.
MODI si propone per la consulenza per l'adozione di un MODELLO ORGANIZZATIVO 231 e un sistema di gestione anticorruzione.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
7
Nov

Conformità alla ISO 37001:2016? Adotta un sistema di gestione anticorruzione – MODI SRL


ISO ha recentemente pubblicato uno specifico standard in materia di prevenzione della corruzione la norma ISO 37001:2016, che diventerà un asset su cui puntare per dare corpo a quanto già predisposto dai singoli paesi in ottica regolamentare, come ad esempio nel nostro Paese il D. Lgs 231/01, la legge 190/92 e le recenti misure del ''Pacchetto Anticorruzione''.
Tale norma, pensata per aiutare le organizzazioni pubbliche e private di qualsiasi dimensione a prevenire il compimento di atti corruttivi, specifica le misure e i controlli che un'organizzazione è chiamata ad adottare per prevenire la corruzione.
MODI si propone per la consulenza per l'adozione di un MODELLO ORGANIZZATIVO 231 e un sistema di gestione anticorruzione.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it


13
Apr

Regione Veneto Dgr 2120 e il requisito dell’adozione di un modello organizzativo 231

Nella Regione Veneto sono iscritti attualmente nell'elenco regionale degli OdF, (istituito ai sensi della L.R. 19/2002 e successive modifiche e integrazioni), 460 OdF, per un totale di n. 529 sedi operative accreditate. I soggetti inseriti nella lista degli accreditati per i Servizi al Lavoro in ambito regionale (Art. 25 legge regionale 13 marzo 2009 n. 3) sono circa 480 di cui il 35% (Enti accreditati ai Servizi al Lavoro ex L.R. n. 3/2009) risulta essere accreditato anche alla Formazione Professionale di cui alla L.R. n. 19/2002. Tenuto conto delle profonde trasformazioni che il sistema della formazione professionale ha subito in questi ultimi anni, sono state aggiornate dalla Regione Veneto  le procedure per l’accreditamento e per la verifica dei requisiti per il mantenimento dello stesso che in sintesi sono: non concedere o non confermare l’accreditamento in capo ad un ente che abbia in comune con un altro ente accreditato il rappresentante legale; - prevedere per gli enti già accreditati e a quelli che fanno istanza di accreditamento il requisito del riconoscimento della personalità giuridica di diritto privato. Detta previsione consente un maggior controllo pubblico sugli organismi di formazione e l’allineamento con quanto già disposto dal sistema di accreditamento ai servizi al lavoro con DGR n. 2238/2011 “Approvazione del sistema di accreditamento allo svolgimento dei Servizi per il lavoro nel territorio della Regione Veneto (art. 25 legge regionale 13 marzo 2009 n.3)”; - richiedere agli enti già accreditati e a quelli che fanno istanza di accreditamento, l’adozione di un Modello organizzativo e gestionale ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231/2001 “Disciplina della responsabilità delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica a norma dell’art. 11 della Legge 29 settembre 2000, n. 300”, fatte salve le esclusioni di legge. L’applicazione del Modello di cui al D.Lgs. 231/2001 rappresenta uno strumento di garanzia e di trasparenza dell’operato degli OdF accreditati per migliorarne l’organizzazione e l’efficacia di funzionamento. Tale requisito sarà previsto anche dal modello di accreditamento dei Servizi al lavoro. Per visualizzare la fonte della notizia prendere visione del Dgr n. 2120 del 30 DIC. 2015. Per un incontro con un Consulente, approfondimenti e un progetto personalizzato contattare 800300333 e/o inviare il questionario, che è uno strumento di analisi introduttiva che consente ai nostri consulenti di comprendere le Vostre esigenze nell'ambito del D.Lgs. 231/2001.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero verde 800300333 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it