1 Senza categoria Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Senza categoria’ Category

1
Ago

Permesso di costruire, in caso di ritardo il Comune deve risarcire

01/08/2017 - Se il Comune tarda nel pronunciarsi su una domanda di permesso di costruire può arrecare un danno permanente all’interessato e deve pagargli un risarcimento. Lo ha affermato il Tar Campania con la sentenza 1223/2017. Permesso di costruire e ritardo della Pubblica Amministrazione Nel caso preso in esame, il proprietario di un locale commerciale aveva richiesto il permesso di costruire per il suo ampliamento. Il Comune aveva impiegato oltre due anni per esaminare la pratica. Nel frattempo lo strumento urbanistico era cambiato e, a differenza di quello precedente, non consentiva più l’intervento per cui aveva fatto domanda. Il proprietario aveva quindi chiesto un risarcimento al Comune sostenendo che, se l’Amministrazione avesse risposto nei tempi previsti, avrebbe potuto realizzare l’ampliamento e usufruirne dal punto di vista economico. Ritardo e mancato rilascio del permesso di costruire, spetta un risarcimento Secondo.. Continua a leggere su Edilportale.com
27
Lug

Via libera del Senato al decreto ‘Mezzogiorno’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23127/07/2017 – Via libera del Senato con 154 voti favorevoli e 117 contrari al maxiemendamento sostitutivo del disegno di legge per la conversione del DL ‘Mezzogiorno’. Il cuore del provvedimento sono le agevolazioni per i progetti imprenditoriali, tra cui la valorizzazione degli immobili abbandonati, presentati da giovani residenti al Sud o che intendono trasferirsi nelle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia), e l’introduzione di Zone economiche speciali (ZES) con una fiscalità agevolata. Tra le ultime novità, approvate dal Senato, compaiono anche risorse per l’edilizia giudiziaria e misure per il completamento delle infrastrutture. Vengono inoltre ammessi i progetti che implicano consumo di suolo non edificato. Edilizia giudiziaria, in arrivo 330 milioni di euro Il Senato ha approvato uno stanziamento di 20 milioni per il 2017, 30 milioni per il 2018.. Continua a leggere su Edilportale.com
25
Lug

Scia, cantiere blindato dopo 18 mesi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23125/07/2017 – Il Comune non può annullare la Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) se sono passati più di 18 mesi dal momento della presentazione. Durante i 18 mesi, inoltre, può agire solo per tutelare un interesse pubblico. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato con la sentenza 3462/2017. Nel caso preso in esame, il proprietario di un opificio industriale aveva presentato una Scia per il mutamento della destinazione d’uso di un locale adibito ad autorimessa e la sua trasformazione in attività commerciale. Il Comune aveva impugnato il titolo abilitativo dopo cinque anni, pretendendo che il proprietario ripristinasse lo stato dei luoghi preesistente. Nell’ordinanza non aveva indicato quale interesse pubblico fosse a rischio. In prima istanza, il Tar Campania aveva dato ragione al Comune, sostenendo che gli interventi realizzati fossero illegittimi. Il Consiglio di Stato ha ribaltato la situazione spiegando.. Continua a leggere su Edilportale.com
20
Lug

Ddl Mezzogiorno, sale il tetto dei finanziamenti agevolati

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23120/07/2017 – Le agevolazioni previste dalla misura “Resto al Sud” del decreto Mezzogiorno ampliano il loro raggio d’azione. Sale a 50mila euro il limite del finanziamento erogabile, tra le attività incentivabili entrano i servizi turistici e vengono inclusi anche i giovani che al momento della domanda non risiedono al Sud. È il risultato raggiunto da una serie di emendamenti al ddl di conversione approvati in Commissione Bilancio del Senato. Agevolazioni ‘Resto al Sud’ anche per Il decreto legge incentiva i progetti imprenditoriali, presentati da giovani dai 18 ai 35 anni residenti nelle Regioni del Sud (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) nei settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca e dell'acquacoltura e della fornitura di servizi. Gli emendamenti approvati estendono la possibilità di presentare domanda anche ai giovani che trasferiscano la residenza.. Continua a leggere su Edilportale.com
18
Lug

Lo split payment riguarda tutte le PA con obbligo di fatturazione elettronica

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23118/07/2017 – Lo split payment si applica a tutte le Pubbliche Amministrazioni soggette all’obbligo di fatturazione elettronica. Lo ha chiarito il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che con il DM 13 luglio 2017 ha rivisto gli elenchi diffusi col DM 27 giugno 2017. Split payment e Pubbliche Amministrazioni Sono soggette allo split payment le Pubbliche Amministrazioni che, in base all’articolo 1, commi da 209 a 214 della Finanziaria 2008 (Legge 244/2007), sono destinatarie della disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria. Si tratta degli enti indicati in un elenco del Governo, dal quale non vanno considerati i soggetti classificati nella categoria dei “Gestori di pubblici servizi”. Tra le Amministrazioni soggette all'obbligo rientrano, per fare alcuni esempi, le Autorità indipendenti, le scuole e le istituzioni educative, Regioni, Province, Comuni, Comunità montane e loro consorzi, istituzione.. Continua a leggere su Edilportale.com
17
Lug

Foia, in Gazzetta la circolare applicativa

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23117/07/2017 – L’Amministrazione ha sempre il dovere di fornire una risposta al cittadino. Sono i princìpi espressi nella circolare 2/2017, emanata dal Governo per aiutare le Amministrazioni a destreggiarsi con le regole sull’accesso pubblico sul modello del Freedom of Information Act (FOIA) inglese. Foia, le istruzioni del Governo alle Amministrazioni Il Dipartimento per la funzione pubblica ha spiegato che le Amministrazioni non possono prevedere degli adempimenti a carico del cittadino come condizione per il rilascio delle informazioni. Il cittadino ha sempre diritto ad una risposta, positiva o negativa, da parte dell’Amministrazione. I casi in cui certe informazioni devono restare riservate sono stati già fissati dall’Autorità nazionale anticorruzione (Anac). In caso di dubbio sulla possibilità di diffondere alcune informazioni, aggiunge ora il Dipartimento, deve prevalere l’interesse a conoscere. Dal.. Continua a leggere su Edilportale.com
14
Lug

Permesso di costruire, no alla proroga per motivi economici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23114/07/2017 – Il termine entro cui devono iniziare i lavori può essere prorogato solo per cause oggettive, che non dipendono dal titolare del permesso di costruire. Il principio è stato stabilito dal Tar Veneto con la sentenza 652/2017. Nel caso preso in esame dal Tribunale Amministrativo, il titolare del permesso di costruire aveva chiesto una proroga sull’inizio dei lavori “per sopravvenute difficoltà economiche familiari non prevedibili al momento del rilascio del titolo autorizzativo”. Inizialmente il Comune aveva accordato la proroga, ma successivamente aveva ritirato il provvedimanto, facendo scattare il ricorso dell’interessato I lavori devono iniziare entro un anno I giudici hanno spiegato che, in base all’articolo 15 del Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001), i lavori devono iniziare entro un anno dal rilascio del permesso di costruire e devono essere completati entro tre anni dall’inizio.. Continua a leggere su Edilportale.com
11
Lug

Imprese edili, più chance di accesso al Fondo di garanzia per le PMI

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 11/07/2017 - Per le imprese edili sarà più semplice accedere ai prestiti agevolati garantiti dal Fondo di garanzia per le PMI. È uno degli effetti previsti dal DM 6 marzo 2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 7 luglio. Il decreto cambia il sistema di valutazione delle imprese basando il rating sulle probabilità di inadempimento, cioè di mancata restituzione del prestito ottenuto. Non solo, perché le valutazioni saranno differenziate in base al settore in cui l’impresa opera. Fondo di garanzia e imprese edili Il base al decreto, spiegato in dettaglio con una guida messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico, per capire l'affidabilità dell'impresa che chiede un finanziamento agevolato, saranno utilizzati dei modelli di valutazione distinti per procedura, per settore economico di appartenenza e in funzione del regime di contabilità (ordinaria e semplificata) a cui è sottoposto il soggetto.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Lug

Permesso di costruire, dal 20 ottobre il modello unico

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/07/2017 – Prosegue il lavoro del Governo verso la semplificazione dei moduli unificati e standardizzati per comunicazioni e istanze nei settori dell'edilizia e delle attività commerciali e assimilate. Con l’accordo di oggi, la Conferenza Unificata ha, infatti, approvato il nuovo modello unificato relativo al Permesso di costruire. Scarica il modulo per il Permesso di costruire Modulo per il permesso di costruire: i tempi dell’adeguamento L’aggiornamento del modulo standardizzato non è sostanziale ma ha permesso di allineare il modello alle novità introdotte al Dlgs 126/2016 e Dlgs 222/2016. Le Regioni avranno tempo fino al 30 settembre 2017 per adeguare il modulo alle specifiche normative regionali. Le amministrazioni comunali, alle quali sono rivolte domande, segnalazioni e comunicazioni, hanno l’obbligo di pubblicare sul loro sito istituzionale entro e non oltre il 20 ottobre.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Lug

Ricostruzione Centro Italia, nuovo elenco speciale e contratti-tipo per gli incarichi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/07/2017 – Elenco speciale per i professionisti che hanno ottenuto incarichi per la ricostruzione in Centro Italia e contratto-tipo per regolare i rapporti tra committente e tecnico. Sono gli obiettivi del protocollo di intesa siglato dal Comitato unitario delle professioni (Cup) e il Commissario straordinario per la ricostruzione, Vasco Errani. Nuovo elenco speciale, incarichi e compensi dei professionisti Sarà istituito l’elenco speciale di tutti i professionisti abilitati che abbiano ricevuto l’incarico da soggetti privati a svolgere i lavori di ricostruzione o riparazione e ripristino degli immobili danneggiati dal sisma. Questa lista sarà gestita dal Commissario straordinario, che individuerà i criteri generali e i requisiti minimi per l’iscrizione e disciplinerà il contributo pubblico ed aggiuntivo per la ricostruzione “al fine di evitare la concentrazione di incarichi professionali ed assicurare massima.. Continua a leggere su Edilportale.com