1 Senza categoria Archives - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Posts from the ‘Senza categoria’ Category

25
Mag

Scuole Innovative, Ordine degli Architetti di Milano: ‘il concorso va avanti’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 25/05/2018 - “Il concorso Scuole Innovative per le 52 aree prosegue nel rispetto del principio di continuità, e il prossimo, ormai imminente, sarà già predisposto per ovviare a eventuali ulteriori osservazioni. I rilievi di Anac ci stanno aiutando a perfezionare ulteriormente lo strumento concorsuale”. Inizia così il comunicato del Consiglio dell’Ordine degli Architetti di Milano e ricorda che ‘Scuole Innovative’ è il concorso di idee per la progettazione di 52 scuole, indetto e organizzato dal MIUR nel 2016 attraverso il bando-tipo e la piattaforma digitale concorrimi, messa a punto dall’Ordine milanese. Il concorso - spiega l’Ordine -, si è concluso con un oggettivo successo di partecipazione e risultati: i progetti partecipanti sono stati 1238. Vedi i progetti vincitori Scuole Innovative, lo stop di Anac Al termine della procedura concorsuale però, si è posto.. Continua a leggere su Edilportale.com
25
Mag

Permesso di costruire, serve per le recinzioni?

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 25/05/2018 – La realizzazione di un muro di recinzione necessita del permesso di costruire quando l’intervento, per la sua consistenza, può essere classificato come nuova costruzione. Lo ha spiegato la Corte di Cassazione con la sentenza 20739/2018. Permesso di costruire, quando deve essere utilizzato I giudici hanno innanzitutto spiegato che la realizzazione di un muro di recinzione necessita del previo rilascio del permesso di costruire nel caso in cui, in base alla sua struttura e all'estensione, sia in grado di modificare l'assetto urbanistico del territorio, rientrando quindi tra gli interventi di nuova costruzione previsti dall’articolo 3, lettera e) del testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001). È inoltre necessario valutare l’area su cui è realizzato il muro di cinta e l’eventuale presenza di vincoli. Permesso di costruire, il caso Nel caso esaminato, il proprietario di un’abitazione,.. Continua a leggere su Edilportale.com
25
Mag

Edilizia e appalti, Ance e Confindustria chiedono attenzione al nuovo Governo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 25/05/2018 – Un Codice Appalti rinnovato per consentire un rapido sviluppo infrastrutturale e competenze legislative Stato-Regioni certe per sostenere la crescita senza rallentamenti. Sono alcuni punti chiave che il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha proposto al Governo che si sta formando durante l’assemblea organizzata a Roma. Tra i partecipanti anche l’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), che ha sottolineato l’importanza di confermare i bonus edilizi e rivedere le norme sui contratti pubblici. Codice Appalti più semplice per un grande piano delle infrastrutture Secondo Confindustria rivedere il Codice dei contratti pubblici, semplificandone l’impostazione e mettendo le amministrazioni nelle condizioni di poter attuare i nuovi principi che esso contiene, costituisce il presupposto per la realizzazione di un grande piano delle infrastrutture, che avrebbe ricadute positive sulla competitività delle.. Continua a leggere su Edilportale.com
25
Mag

Edilizia e appalti, Confindustria e Ance chiedono attenzione al nuovo Governo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 25/05/2018 – Un Codice Appalti rinnovato per consentire un rapido sviluppo infrastrutturale e competenze legislative Stato-Regioni certe per sostenere la crescita senza rallentamenti. Sono alcuni punti chiave che il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha proposto al Governo che si sta formando durante l’assemblea organizzata a Roma. Tra i partecipanti anche l’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), che ha sottolineato l’importanza di confermare i bonus edilizi e rivedere le norme sui contratti pubblici. Codice Appalti più semplice per un grande piano delle infrastrutture Secondo Confindustria rivedere il Codice dei contratti pubblici, semplificandone l’impostazione e mettendo le amministrazioni nelle condizioni di poter attuare i nuovi principi che esso contiene, costituisce il presupposto per la realizzazione di un grande piano delle infrastrutture, che avrebbe ricadute positive sulla competitività delle.. Continua a leggere su Edilportale.com
23
Mag

Immobiliare, ecco i requisiti degli agenti professionisti

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 23/05/2018 – Quali conoscenze tecniche, normative e giuridiche deve avere un agente immobiliare e come può certificare le sue competenze? A spiegarlo la Prassi di riferimento UNI 40:2018 sugli agenti immobiliari, messa a punto dalla Federazione Italiana Agenti Immobiliari professionali (Fiaip), e presentate lo scorso 21 maggio nel corso di un convegno sul ruolo degli agenti immobiliari. Il documento indica un metodo comune di lavoro che, in linea con gli standard europei, valorizzi al massimo la rete degli agenti immobiliari operativi in Italia. Agenti immobiliari: i requisiti e le conoscenze La prassi di riferimento sintetizza i requisiti relativi alla professione dell’agente immobiliare individuandone attività, compiti, conoscenze, abilità e competenze oltre a definire le linee guida per l’aggiornamento professionale. Secondo quanto indicato, esercitando una professione regolamentata, l’agente immobiliare deve.. Continua a leggere su Edilportale.com
23
Mag

Ecobonus, più tempo per l’invio dei dati all’Enea

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 23/05/2018 – Tempi più lunghi per l’invio all’Enea dei dati sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici che usufruiscono dell’Ecobonus. Dal momento che la trasmissione deve avvenire online, il termine di 90 giorni terrà conto della data di attivazione del sito dell’Enea. L’Enea ha comunicato questa decisione sul suo sito web. Il problema si è posto più che altro per i lavori terminati prima di marzo, quando il sito dedicato alla trasmissione dei dati sugli interventi di efficientamento energetico non era stato ancora attivato. Ecobonus, dati all’Enea entro il 28 giugno 2018 Come spiegato dall’Enea, il portale d'invio Finanziaria 2018, è attivo dal 30 marzo 2018. Questo significa che non è stato possibile inviare i dati degli interventi terminati prima di questa data. “Considerando che l’indisponibilità del sito costituisce.. Continua a leggere su Edilportale.com
22
Mag

Veneto, i Comuni si adeguano al Regolamento edilizio tipo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 22/05/2018 – Il Veneto, dopo aver recepito il Regolamento Edilizio Tipo (RET), ha approvato le “Linee guida e i suggerimenti operativi”, che i Comuni potranno utilizzare per l’adeguamento del proprio regolamento edilizio al RET, e le “Definizioni Uniformi” da utilizzare nelle previsioni dimensionali degli strumenti urbanistici. Regolamento edilizio tipo: linee guida per aiutare i Comuni Le Linee guida sono il risultato del lavoro che ha svolto in questi mesi il Tavolo Tecnico Permanente (TTP) regionale con la collaborazione di ANCI Veneto con l’obiettivo di dare un utile sussidio operativo ai Comuni per l’adeguamento del proprio regolamento edilizio. In sede di approvazione di strumenti urbanistici, i Comuni dovranno tener conto delle “Definizioni Uniformi” aventi “incidenza sulle previsioni dimensionali”. In alternativa, i Comuni potranno redigere la variante conseguente al recepimento.. Continua a leggere su Edilportale.com
21
Mag

Edilizia libera, il vincolo pone la questione autorizzazione paesaggistica

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 21/05/2018 - La pubblicazione del Glossario Unico delle opere di edilizia libera ha ‘liberalizzato’ 58 tipologie di lavori, esentandoli dal titolo abilitativo (CILA, SCIA ecc). Resta però fermo l'obbligo di rispettare le norme specifiche su paesaggio, beni culturali, antincendio ecc. Edilizia libera e autorizzazione paesaggistica Il Glossario Unico  (DM 2 marzo 2018) evidenzia che le opere ‘liberalizzate’ vanno realizzate nel rispetto delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e di tutte le normative sull’attività edilizia di settore, come le disposizioni in materia paesaggistica. L'autorizzazione paesaggistica è regolamentata dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (Dlgs 42/2004): per interventi in aree soggette a tutela paesaggistica, la norma indica l’obbligo di richiedere all'ente competente un’autorizzazione che certifichi la compatibilità paesaggistica dell’intervento. Il DPR.. Continua a leggere su Edilportale.com
18
Mag

Edilizia libera, sui beni vincolati servono autorizzazioni?

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 18/05/2018 – La pubblicazione del Glossario Unico delle opera di edilizia libera ha reso possibile sapere con certezza quali sono gli interventi edilizi che non richiedono titolo abilitativo; questo, però, non significa che sia esclusa a priori la necessità di richiedere un’autorizzazione. Interventi di edilizia libera: niente più autorizzazioni? Come specificato nello stesso Glossario (DM 2 marzo 2018) le opere “liberalizzate” vanno realizzate comunque nel rispetto delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e di tutte le normative sull’attività edilizia di settore (come le disposizioni del codice dei beni culturali e del paesaggio, le norme antisismiche, norme di sicurezza, norme antincendio, norme igienico-sanitarie, norme sull’efficienza energetica, norme di tutela dal rischio idrogeologico). Di conseguenza, nel caso di una ristrutturazione su un bene vincolato ai sensi del Codice dei.. Continua a leggere su Edilportale.com
18
Mag

Edilizia libera, servono autorizzazioni per interventi su beni vincolati?

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 18/05/2018 – La pubblicazione del Glossario Unico delle opera di edilizia libera ha reso possibile sapere con certezza quali sono gli interventi edilizi che non richiedono titolo abilitativo; questo, però, non significa che sia esclusa a priori la necessità di richiedere un’autorizzazione. Interventi di edilizia libera: niente più autorizzazioni? Come specificato nello stesso Glossario (DM 2 marzo 2018) le opere “liberalizzate” vanno realizzate comunque nel rispetto delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e di tutte le normative sull’attività edilizia di settore (come le disposizioni del codice dei beni culturali e del paesaggio, le norme antisismiche, norme di sicurezza, norme antincendio, norme igienico-sanitarie, norme sull’efficienza energetica, norme di tutela dal rischio idrogeologico). Di conseguenza, nel caso di una ristrutturazione su un bene vincolato ai sensi del Codice dei.. Continua a leggere su Edilportale.com